Notizie locali
[type=TEXT, value=]

Video dalla rete

In Turchia il cimitero della navi da crociera fermate dal covid

Di Redazione
Pubblicità

Gli affari vanno a gonfie vele in un molo marittimo nella Turchia occidentale, dove cinque enormi navi da crociera vengono smantellate per la vendita di rottami metallici dopo che la pandemia COVID-19 ha praticamente messo in ginocchio il settore. Le navi da crociera hanno ospitato alcuni dei primi cluster di COVID-19 poiché la pandemia si è diffusa a livello globale all'inizio di quest'anno. A marzo, le autorità statunitensi hanno emesso un ordine di divieto per tutte le navi da crociera che è ancora in vigore.  
Dozzine di lavoratori hanno smontato, finestre, pavimenti e ringhiere di diverse navi nel molo di Aliaga, una città 45 km a nord di Izmir, sulla costa occidentale della Turchia. Altre tre navi si uniranno a quelle già in fase di smantellamento.

Prima della pandemia, i cantieri di demolizione delle navi della Turchia gestivano navi da carico e portacontainer ma dopo la pandemia, tocca alle navi da crociera. Per smantellare una nave da crociera servono circa sei mesi. Le navi sono arrivate dalla Gran Bretagna, dall'Italia e dagli Stati Uniti.

 Il cantiere che dà ora lavoro a 2500 operai mira ad aumentare il volume di acciaio smantellato a 1,1 milioni di tonnellate entro la fine dell'anno, dalle 700 mila tonnellate di gennaio trasformando così la crisi in opportunità.

(Youtube/Reuters)

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti:
Pubblicità