Notizie locali
[type=TEXT, value=]

Video dalla rete

Canale di Suez ancora bloccato dalla gigantesca Ever Given incagliata

Di Redazione
Pubblicità

Il gigantesco portacontainer 'Mv Ever Given' che sta bloccando da martedì mattina il canale di Suez con ripercussioni sul flusso del commercio mondiale «resta incagliato nella stessa posizione» nonostante le autorità della strategica via d’acqua stiano «diligentemente ed efficientemente impiegando tutte le loro risorse per mitigare l’attuale crisi». Lo riferisce un tweet di una società di fornitura di servizi per il canale, la Leth Agencies, che fotografa la situazione alle sei di stamattina ora italiana.
«Intanto rimorchiatori e draghe sono ancora operative per rimettere a galla l’imbarcazione», aggiunge il tweet riferendosi al cargo di 400 metri di lunghezza insabbiatosi a causa di una tempesta bloccando il canale attraverso cui transita circa il 12% del commercio mondiale e il 40% dell’import-export marittimo italiano.

Il presidente dell’Autorità del Canale di Suez, il tenente generale Osama Rabie, ieris sera ha compiuto un sopralluogo a bordo del Mashour, uno dei due battelli-draga impegnati nei «lavori di drenaggio» che «puntano ad asportare le sabbie che circondano la prua della nave». Lo scopo delle operazioni è quello di «arrivare a un livello d’acqua appropriato per farla galleggiare» e «che varia da 12 a 16 metri». Lo scrive un post pubblicato su Facebook dalla stessa Authority.
Il canale di Suez è un passaggio cruciale per portare merci dall’Asia all’Europa e viceversa senza dove fare il periplo dell’Africa e allungare il tragitto di due settimane: vi transita circa il 30% dei container in giro per il mondo (quasi 19 mila navi l’anno scorso). Si stima che il valore del traffico marittimo bloccato a Suez sia di 9,6 miliardi di dollari al giorno. (ANSA).

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti:
Pubblicità