Notizie locali
Pubblicità
[type=TEXT, value=]

Video

L'appello di Nino Frassica ai messinesi per vaccinarsi: «Qui la cosa è seria; bisogna fidarsi»

L'attore messinese è sceso in campo in prima persona con una "chiamata alle armi anti-Covid"

Di Redazione
Pubblicità

 "Io sono ignorante, ma non sono stupido, la cosa è seria: mi sono stancato di ascoltare ogni sera al tg che la Sicilia è l’ultima regione d’Italia per vaccini e Messina ultima in Sicilia. Non vogliamo essere considerati gli ultimi, vogliamo cambiare la tendenza perchè crediamo che Messina e la Sicilia debbano e possano fare di più". Lo ha detto l’attore e personaggio tv siciliano Nino Frassica che - nella sua città, Messina - è sceso in campo in prima persona con una "chiamata alle armi anti-Covid" per convincere gli abitanti della provincia di Messina, della quale è appunto originario, a vaccinarsi girando un video-appello al fianco del commissario per l’emergenza covid Alberto Firenze. "Bisogna fidarsi della scienza: pensiamo a tutte le conquiste, le scoperte della medicina, senza di esse la nostra vita oggi durerebbe appena 40 anni, io invece voglio viverne almeno 120 - continua a ironizzare il comico - a maggior ragione mi rivolgo a tutti i genitori di bambini che hanno meno di 12 anni (e non possono ricevere vaccino, ndr), vaccinatevi per tutelare voi e i vostri figli". 

Difatti nelle ultime settimane il dato allarmante, che invita a un’estrema prudenza e attività preventiva, è proprio quello legato ai bambini, sempre più spesso ricoverati perchè contagiati da genitori non vaccinati. "Dobbiamo assolutamente evitare che i nostri figli possano infettarsi perchè mamma e papà non si vaccinano - spiega il commissario Firenze - Quasi il 100% dei ricoverati negli ospedali covid non sono vaccinati: precisamente il 100% in terapia intensiva non ha vaccino, il 98% in degenza ordinaria lo stesso: sono numeri che rendono inconfutabile la valenza delle vaccinazioni, l’unica arma per uscire dall’incubo della pandemia".
 

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti:
Pubblicità