Notizie locali
Pubblicità

Video

Paternò, dà fuoco a una discarica abusiva ma le telecamere lo riprendono: arrestato pastore

L'uomo sorpreso dai militari dell'Arma dopo avere incendiato pneumatici, oli esausti e materassi

Di Redazione
Pubblicità

Prima i carabinieri lo hanno visto scappare, poi è bastata la visione delle immagini di una telecamera per inchiodarlo. I Carabinieri del Nucleo Radiomobile della Compagnia di Paternò hanno arrestato un pastore di 69 anni di Paternò, pluripregiudicato, per incendio doloso e combustione illecita di rifiuti.

Ad attirare l’attenzione dei carabinieri, che stavano transitando in via Mediterraneo, una colonna di fumo nero. Il sopralluogo dell’area, tra la Provinciale 138 e la via Giovanni Verga, ha permesso di notare un uomo che si stava allontanando velocemente a bordo di una Ford Fusion. Dopo aver richiesto l’intervento dei Vigili del Fuoco i carabinieri hanno inseguito e bloccato l’autovettura del presunto piromane. L’uomo è stato identificato e trovato in possesso di un comune accendino modello clipper, utilizzato per appiccare il fuoco a materassi, oli esausti e pneumatici abbandonati a ridosso del muro di cinta di una officina meccanica e sul lato opposto ad una distesa di sterpaglie posta al confine con diverse abitazioni e colture. Ad inchiodare definitivamente il piromane le immagini del sistema di video sorveglianza attivo in zona che, analizzate dagli investigatori dell’Arma, non hanno lasciato alcun dubbio sull’autore del reato. Il pastore è così finito agli arresti domiciliari così come deciso dal giudice in sede di udienza per direttissima.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Pubblicità