Notizie locali
Pubblicità

Video

Un letto e angolo cucina, ecco la cella di Buscetta durante il maxiprocesso

È stata mostrata alla stampa a margine Conferenza sul Consiglio d'Europa

Di Redazione
Pubblicità

A margine della conferenza dei procuratori generali del Consiglio d'Europa, organizzata dalla Procura Generale della Cassazione e dai Ministeri degli Esteri e della Giustizia, è stata mostrata la cella in cui venne trasferito il pentito Tommaso Buscetta durante tutta la sua partecipazione, come teste, al maxiprocesso alla mafia istruito dai giudici Giovanni Falcone e Paolo Borsellino. La cella si trova nell'area riservata dell'aula bunker del carcere Ucciardone che venne costruita appositamente per la celebrazione del processo che vide imputati insieme, per la prima volta, i vertici, i "colonnelli" e gli uomini d'onore palermitani. La permanenza di Buscetta nell'area riservata, gestita dall'ex capo della polizia Antonio Manganelli, venne tenuta riservata per motivi di sicurezza. Nella stessa ala pernottavano gli agenti della Polizia che dovevano vigilare sulla sicurezza di Buscetta. Dichiarazioni di Claudia Caramanna, procuratrice, e Antonio Balsamo, magistrato

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Pubblicità