Notizie locali
Pubblicità

Cronaca

La ladra di cellulari a Palermo si giustifica: «Mi servivano per comprare la droga»

 La giovane è accusata di 27 colpi messi a segno tra aprile dello scorso anno e febbraio scorso

Di Redazione

Il giudice per le indagini preliminari Cristina Lo Bue non ha convalidato il fermo della giovane di 27 anni arrestata dalla polizia e accusata di decine di furti di cellulari negli esercizi commerciali a Palermo. Per la ladra di telefonini, tablet e anche borse e portafogli il giudice non ha ravvisato il pericolo di fuga, ma ha disposto la misura della detenzione in carcere. La giovane è accusata di 27 colpi messi a segno tra aprile dello scorso anno e febbraio scorso.

Pubblicità

 

 

Gli agenti dei commissariati Zisa, Oreto e Libertà hanno organizzato un controllo del territorio per riuscire a beccarla visto che la giovane dal vistoso tatuaggio sulla mano non aveva una fissa dimora. Durante l’interrogatorio assistita dall’avvocato Salvatore Ferrante, ha ammesso le proprie responsabilità. La 27enne ha confessato di essere dipendente dalla droga, di essere stata già seguita dagli specialisti del Servizio per le tossicodipendenze dell’Asp e di aver provato, senza riuscirci a disintossicarsi. Ha detto al giudice di volere riprovare. Adesso si sta cercando la comunità terapeutica per intraprendere il percorso di disintossicazione. 

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: