Notizie Locali


SEZIONI
Catania 12°

Adnkronos

Caso Uss: braccialetto elettronico aveva problemi di rete, generati 38 alert in 2 giorni

Di Redazione |

Milano, 5 dic. Il braccialetto elettronico di cui era stato munito Artem Uss durante la misura degli arresti domiciliari ha generato numerosi messaggi d’allarme, la maggior parte dei quali derivanti da problemi nella connessione della rete mobile. È quanto si legge nell’ordinanza del gip di Milano, Anna Magelli, che ha disposto il carcere nei confronti dell’oligarca russo e dei presunti complici che lo scorso marzo lo aiutarono a evadere dall’abitazione di Basiglio, alle porte di Milano.

Principalmente, si legge nel documento, i messaggi derivavano da situazioni riconducibili a tre tipologie: ‘Controllo dello stato mancante tra Emsys e dispositivo’, che potrebbe essere dipeso dalla momentanea assenza di rete mobile; ‘Mancanza di alimentazione della Mu’ e ‘Uscito dal sito durante il periodo di inclusione del coprifuoco, spiegabile con una possibile fuoriuscita del braccialetto dal perimetro. Evento, questo, che si è registrato unicamente il 22 marzo, in concomitanza con l’evasione. La restante parte degli allarmi segnalati, sono ascrivibili alla prima tipologia.

Tranne che il 2 dicembre 2022 e 23 febbraio 2023, quando gli operatori di Fastweb insieme alle forze dell’ordine hanno eseguito prove tecniche di funzionamento del dispositivo, si sono avute segnalazioni per mancanza di alimentazione solo in due circostanze, verosimilmente riconducibili ad un black-out temporaneo. Quanto al ‘controllo dello stato mancante tra Emsys e dispositivo’, si sono avuti 38 allarmi, di cui 20 in soli due giorni, il 20 e il 21 febbraio scorsi. Il giorno successivo, poi, vi era stato un intervento tecnico di Fastweb, conclusosi con la sostituzione della basetta presente nell’abitazione di Uss e l’installazione di un nuovo dispositivo in un punto con maggiore copertura di rete.COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

Di più su questi argomenti: