Notizie Locali


SEZIONI
Catania 23°

Adnkronos

Polmonite misteriosa tra bambini in Cina, da Bassetti a Gismondo: cosa dicono esperti

Di Redazione |

Roma, 23 nov. (Adnkronos Salute) – Epidemia di polmonite dalle cause misteriose si è diffusa nei bambini in Cina. “Ci riporta indietro di quattro anni: era proprio questo periodo quando nel 2019 vennero fuori i primi dati sulle polmoniti atipiche in Cina”, sottolinea all’Adnkronos Salute Matteo Bassetti, direttore della Clinica di malattie infettive del policlinico San Martino di Genova. Un nuovo allarme sanitario arriva dal gigante asiatico, ecco cosa dicono gli esperti.

Dopo il precedente del Covid, per l’esperto “non è più possibile che su una cosa del genere le informazioni non siano immediate, è fondamentale che la Cina comunichi rapidamente all’Oms che cosa è successo, se siamo di fronte a un microrganismo già noto oppure se si tratta di virus o un batterio sconosciuto, se l’epidemia è semplicemente legata al clima. Insomma è fondamentale – rimarca – che si faccia luce sulla questione nelle prossime ore, magari è semplicemente un focolaio che si risolverà in tempi rapidi, ma dobbiamo saperlo. Non si può pensare di ricommettere gli stessi errori a distanza di quattro anni e tornare indietro”.

Il boom di infezioni respiratorie e ‘polmoniti misteriose’ nei bambini in Cina “mi desta una certa attenzione. Non voglio usare la parola paura”, però “dobbiamo certamente incrociare le dita, sperando che questa volta l’Organizzazione mondiale della sanità imponga trasparenza”, dichiara all’Adnkronos Salute Maria Rita Gismondo, direttrice del Laboratorio di microbiologia clinica, virologia e diagnostica delle bioemergenze dell’ospedale Sacco di Milano.

“Ancora una volta – sottolinea – il pericolo arriva dalla Cina. D’altra parte non ci meravigliamo, visto che, malgrado la terribile pandemia che si è diffusa grazie ai ritardi con cui” le autorità cinesi “hanno comunicato la situazione sanitaria” del Paese all’inizio della pandemia di Covid, in Cina si assiste ancora a un “continuo perdurare di abitudini che ignorano assolutamente le regole dell’igiene”. Ricordando “per esempio la costruzione di due enormi grattacieli con allevamento forzato di migliaia, se non milioni, di maiali”, sul rischio di nuove minacce epidemiche dal gigante asiatico Gismondo afferma: “C’è da aspettarselo”.

Ci può essere un nuovo virus dietro il boom di infezioni respiratorie e ‘polmoniti misteriose’ che si diffondono nei bambini in Cina? E’ “poco probabile, ma ovviamente possibile”, risponde all’Adnkronos Salute Fabrizio Pregliasco, virologo dell’università Statale di Milano.

“Le informazioni disponibili ad oggi sono molto frammentate”, premette l’esperto. “Diciamo – spiega – che il periodo dell’anno comporta di per sé una facilitazione nella diffusione di malattie respiratorie”. In più, “così come accaduto anche da noi nel passato”, quando con l’allentamento delle restrizioni Covid “abbiamo osservato nei bambini un incremento di virus respiratorio sinciziale e altri patogeni respiratori”, anche in Cina, “che è un po’ più indietro perché ha riaperto dopo, queste aumentate infezioni possono starci”.

Quanto alla tempestiva richiesta dell’Organizzazione mondiale della sanità alla Cina, di fornire informazioni dettagliate su questi casi, “l’Oms non ha poteri ispettivi – precisa il virologo – però è un buon segno” che stia facendo ‘pressing’ dopo la lezione della pandemia di Covid-19.COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

Di più su questi argomenti: