Notizie Locali


SEZIONI
Catania 19°

Archivio

Mo: Malan, ‘Di Maio riferisca su voto Italia a Onu su Monte Tempio Gerusalemme’

Di Redazione |

Roma, 20 nov. (Adnkronos) – “La quarta commissione delle Nazioni unite ha votato una risoluzione che cancella l’identità e le radici ebraiche dal Monte del Tempio di Gerusalemme. Questo implica anche la cancellazione della identità cristiana di questo sito, frequentato da Gesù e dai suoi discepoli, non certo per rendere omaggio al Haram al-Sharif, il complesso islamico sorto secoli dopo, in seguito alla distruzione del Tempio per ordine dell’imperatore Tito. Invece la risoluzione 4/74/L.16 designa il luogo soltanto con quel nome”. Lo sottolinea Lucio Malan, vicecapogruppo di Fi al Senato.

“Il Monte del Tempio -ricorda- è da tremila anni il centro del pensiero e della religione ebraica. Questo è il luogo verso il quale gli Ebrei da millenni si rivolgono per la preghiera. Questo è il luogo dove Gesù di Nazareth venne più e più volte durante la sua vita, incluso nella settimana della sua crocifissione. Persino gli antichi romani che distrussero il Tempio, riconoscevano l’ebraicità del luogo consentendo una volta l’anno agli ebrei l’accesso al cosiddetto Muro del Pianto, una struttura di sostegno del Tempio. Designarlo unicamente con il suo nome islamico è negare l’identità ebraica. Importanti intellettuali israeliani ed ebrei, esponenti cristiani evangelici, hanno detto che è peggio della negazione della Shoah, perché mette in questione le radici stesse dell’ebraismo. E l’ebraismo è la radice del cristianesimo”.

“All’inizio di dicembre la stessa risoluzione verrà messa ai voti nell’Assemblea plenaria delle Nazioni Unite. L’Italia può ancora rimediare a questo gravissimo errore. Il ministro Di Maio -conclude Malan- deve riferire con urgenza al Senato su questo voto”.COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

Di più su questi argomenti: