Notizie Locali


SEZIONI
Catania 18°

CARABINIERI

Ha seminato il terrore nel Giarrese: 5 rapine contestate al bandito catturato grazie al Gps nell’auto

L'ordinanza di custodia cautelare notificata nel carcere di CAltagirone dove si trova rinchiuso per un altro reato

Di Mario Previtera |

I carabinieri della Stazione di Mascali, al termine di una lunga e complessa attività investigativa sono riusciti ad individuare un rapinatore seriale che ha seminato il terrore nel Giarrese. Si tratta del 32enne giarrese, Andrea Fazio, pregiudicato, indagato per i reati di rapina e ricettazione, la Procura Distrettuale della Repubblica di Catania ha richiesto ed ottenuto nei suoi confronti il provvedimento cautelare della custodia in carcere, emesso dal GIP del Tribunale etneo ed eseguita dai Carabinieri della Stazione di Mascali, presso la Casa Circondariale di Caltagirone, ove l’indagato si trova rinchiuso per altra causa.

I fatti che hanno originato l’emissione della misura restrittiva si sono verificati nel comprensorio giarrese nel mese di agosto dello scorso anno durante il quale, nel breve arco temporale intercorrente tra il giorno 16 ed il 31, si sono susseguite una serie di rapine a mano armata ai danni di esercizi commerciali del mascalese e di Fiumefreddo di Sicilia.  Le indagini, grazie all’attenta disamina delle immagini dei sistemi di videosorveglianza delle attività economiche prese di mira, hanno avuto un immediato impulso consentendo una verosimile identificazione del responsabile in Andrea Fazio e, quindi, concentrare su di lui gli sforzi investigativi.

Gli episodi delittuosi oggetto di contestazione nel provvedimento cautelare del GIP del Tribunale, seppur in uno stato del procedimento nel quale non è ancora intervenuto il contraddittorio con l’indagato, sono complessivamente cinque. Le rapine contestate sono quelle messe a segno in una stazione di servizio sulla SS. 114, avvenuto il 16 agosto 2022 alle ore 19 circa;  all'operatore addetto alla cassa del casello autostradale di Fiumefreddo di Sicilia sulla A18, avvenuto il 17 agosto 2022, in piena notte, alle ore 03:25; in una stazione di servizio di via Principe di Piemonte a Fiumefreddo di Sicilia, rapina avvenuta la sera dei 18 agosto 2022, ma non concretizzatasi per l’inaspettata reazione della vittima; in  una tabaccheria in via Siculo Orientale di Mascali, avvenuta il 18 agosto 2022 alle ore 20 circa e infine, a una farmacia in via D’Angelo di Mascali, avvenuta il 28 agosto 2022 alle ore 11:30.  

Dalle indagini dei carabinieri è emerso che il rapinatore, aduso ad agire autonomamente in solitaria, raggiungeva i suoi obiettivi a bordo di una vecchia Fiat Punto di colore scuro, risultata essere oggetto di furto a Mascali il 15 di agosto e, quindi, solo un giorno precedente alla data della prima rapina registrata. Il suo modus operandi era connotato dalla serialità delle incursioni e dall’utilizzo della medesima autovettura, degli indumenti e delle armi, in particolare una pistola semiautomatica privata del tappo rosso ed un grosso coltello, nonché dalle identiche modalità con le quali si rivolgeva alle atterrite vittime, minacciandole di morte qualora non avessero consegnato il denaro. Numerosi, ai fini dell’identificazione di Fazio, sono stati gli elementi di riconoscimento sfruttati dai militari, dapprima l’autovettura utilizzata nelle scorribande, recante la mancanza dello sportellino del bocchettone di rifornimento, la mancanza dei copricerchi anteriori ed una vistosa anomalia sulla vernice del cofano motore.

Le dichiarazioni delle vittime delle rapine sulle fattezze fisiche del rapinatore sono state univoche e concordanti nel descriverlo di un’altezza di circa 180 centimetri, di corporatura longilinea e che indossava una mascherina chirurgica, occhiali da sole, un cappellino con visiera e, in particolare, nell’evidenziare la presenza su un ginocchio di un tatuaggio visibile grazie ai bermuda solitamente indossati.

Tali elementi, pertanto, hanno permesso di identificare con ragionevole certezza il 32enne giarrese e sottoporlo ad attività tecnica d’investigazione mediante l’applicazione di un sistema GPS sull’autovettura, preventivamente localizzata dai militari sulla pubblica via, con installazione anche di una microcamera all’interno di essa. Fazio, il 31 agosto della scorsa estate, è stato arrestato in flagranza, dai Carabinieri della Compagnia di Giarre, per i reati di rapina, consumata e tentata, resistenza a pubblico ufficiale e ricettazione.

I dati informativi acquisiti attraverso il sistema di localizzazione ed intercettazione video infatti, proprio poco dopo aver tentato nella mattinata del 31 agosto una rapina in una stazione di servizio sita nella via Ruggero I di Mascali, hanno consentito di localizzarlo appena dopo aver realizzato un ulteriore assalto, stavolta portato a termine, ai danni di una tabaccheria di corso Messina. Il dispiegamento delle pattuglie dei Carabinieri, però, lo ha intercettato a bordo della Fiat Punto in Corso Europa di Riposto e Fazio, in quella circostanza, anziché fermarsi all’alt, ha preferito lanciarsi in una pericolosissima fuga tra pedoni ed utenti della strada, speronando un’autovettura dei militari ed imboccando un senso vietato che, inevitabilmente, lo ha fatto poi collidere con un’altra autovettura che stava sopraggiungendo dall’altro senso di marcia. Nonostante ciò Fazio, riuscendo abilmente ad uscire attraverso il finestrino dell’autovettura, si è lanciato in una fuga a piedi per i condomìni circostanti, fino a quando è stato bloccato dai militari.

In occasione dell’arresto in flagranza, inoltre, a sostegno del gravoso quadro indiziario delineatosi a carico del 32enne giarrese, si aggiunge anche il ritrovamento all’interno della Fiat Punto di un coltello di circa 30 centimetri, di una pistola giocattolo privata del tappo rosso, di una mascherina chirurgica e degli occhiali da sole da quest’ultimo utilizzati nel corso delle rapine, nonché la somma di 902,35 euro ed un quantitativo di sigarette frutto dell’ultimo assalto appena realizzato.COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA