Notizie Locali


SEZIONI
Catania 31°

Lo dico

Punta di Mola (Rg). Spiaggia meravigliosa ma pericolosa: «Abbandonati dalle forze dell’ordine»

Di Redazione |

Sono una cittadina ragusana, faccio parte di un contesto abitativo che si trova a Punta di Mola, davanti ad esso solo una spiaggia e un meraviglioso mare. Purtroppo la lingua di sabbia davanti casa non è privata ma non viene considerata neanche pubblica dati gli eventi che vi sto per raccontare.Quest’estate abbiamo assistito a falò quasi ogni sera, in un periodo dove la Sicilia era infuocata, con le fiamme che lambivano il canneto secco proprio adiacente alla spiaggia e dunque alle nostre case. I falò hanno lasciato spazio a rave party con centinaia di persone ubriache e probabilmente “non solo”.

In tali occasioni abbiamo segnalato e chiamato la polizia locale di Ragusa, una sola volta si sono recati sul luogo e hanno constatato le condizioni della spiaggia, ma non sono intervenuti poiché erano pochi di numero e a loro detta “in pericolo”, dunque noi cittadini ci siamo ritrovati da soli e completamente disarmati.

Oggi questa spiaggia continua ad essere un luogo pericoloso perché l’estate ha lasciato spazio all’inverno, dove gruppi di uomini adulti immigrati vengono a bere birra (lanciando le bottiglie tra le piante e in spiaggia), mangiare (lasciando plastica ovunque), fumare sigarette buttando le cicche accese sul canneto e le sterpaglie (per il momento non secche) e facendo i propri bisogni davanti le nostre case. Ormai è diventato a tal punto un luogo di ritrovo da aver “ammobiliato” la spiaggia con panchine e tavolini .

Ancora una volta abbiamo provato a contattare la polizia, i vigili urbani sia di Ragusa che di Santa Croce, ma nulla, siamo soli, disperati e impauriti. Abbandonati dalle forze dell’ordine e dal comune chiediamo a voi, che la nostra voce sia ascoltata

Dalila IaconoCOPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA