Notizie Locali


SEZIONI
Catania 13°

Palermo

Insediamento, procuratore de Lucia ricorda vittime della mafia nel suo discorso

Campano, 61 anni, a lungo pm a Palermo, poi in direzione nazionale antimafia e da ultimo a capo della Procura di Messina

Di Redazione |

Si è insediato oggi, nel corso di una cerimonia che si è svolta nell’aula magna della corte d’appello di Palermo, il nuovo procuratore del capoluogo siciliano Maurizio de Lucia. Campano, 61 anni, a lungo pm a Palermo, poi in direzione nazionale antimafia e da ultimo a capo della Procura di Messina, de Lucia ha una lunga esperienza di indagini di mafia. E proprio la lotta alla mafia è stata una delle priorità indicate dal neo procuratore.  Alla cerimonia hanno partecipato i procuratori aggiunti di Palermo, il capo della Dna Giovanni Melillo, l’ex procuratore Francesco Lo Voi ora a capo dell’ufficio inquirente romano, la procuratrice generale Lia Sava, il presidente della corte d’appello Matteo Frasca, i vertici delle forze dell’ordine e il sindaco di Palermo Roberto Lagalla. 

È iniziato col ricordo delle vittime della mafia il discorso di insediamento del neo procuratore di Palermo Maurizio de Lucia. «La Procura che dirigerò – ha detto – sente fortissimo il peso della sua storia», ha affermato davanti a una platea gremita, nell’aula magna della corte d’appello del capoluogo siciliano. Ed è la lotta a Cosa nostra il primo di una lunga serie di obiettivi che de Lucia ha indicato e che caratterizzeranno il suo «servizio». «Cosa nostra non è più quella delle stragi ma è presente e continua a condizionare l’economia della città», ha ammonito. Tra le priorità elencate dal neo procuratore anche la tutela delle cosiddette fasce deboli, donne minori, persone fragili, e dell’ambiente e delle tante bellezze della città. Un’azione a tutto tondo, quella annunciata, che spazierà tra passato -"sono ancora tanti – ha detto – i fatti avvolti da mistero su cui indagare» e futuro. Tutto con un metodo, ereditato dai suoi predecessori, e improntato alla condivisione e alla collaborazione all’interno dell’ufficio inquirente. De Lucia ha invitato la stampa a esercitare un serrato controllo su quel che sarà l’attività della Procura e ha annunciato che si faranno indagini a tutto campo ma verranno celebrati solo i processi che "riterremo possano condurre a condanne». Infine ha concluso auspicando che Palermo «che, dopo le stragi del 92 ha dato all’Italia una lezione di resistenza civile alla mafia, possa tornare a tenere alti i valori dell’impegno civile».

 «Auguro buon lavoro al nuovo procuratore di Palermo De Lucia, del quale ho sempre apprezzato la grande preparazione e l’equilibrio. Assicuro la massima collaborazione dell’istituzione Regione in qualsiasi attività di contrasto alla malavita, al fine di rendere ancora più impermeabile e trasparente l’amministrazione pubblica», ha dichiarato il presidente della Regione Siciliana, Renato Schifani.COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

Di più su questi argomenti: