Notizie Locali


SEZIONI
Catania 12°

Salute

Catania. potenziata la Centrale operativa del 118

Di Redazione |

CATANIA – Ampliamento della Centrale operativa 118 Catania-Ragusa-Siracusa e modulo sanitario per le maxi-emergenze: sono le due dotazioni del servizio sanitario di urgenza ed emergenza della Sicilia inaugurate nell’azienda ospedaliera Cannizzaro di Catania. L’iniziativa ha costituito anche l’apertura del congresso nazionale della Società italiana sistema (Sis) 118 su ‘Sinergie per la sicurezza e qualità delle cure in”urgenza-emergenza”, che continuerà fino a sabato.

L’assessore regionale alla Salute, Ruggero Razza, ha espresso il «compiacimento del governo regionale, che ha finanziato i lavori, per una centrale operativa adeguata ai tempi, moderna, che si mette in linea con le indispensabili tecnologie, rilevando come la Sicilia, sul fronte dell’emergenza sanitaria, sia ai vertici nazionali e la seconda ad avere coperto l’intero territorio regionale con il Numero unico emergenza 112». «La Centrale – ha sottolineato il direttore generale, Salvatore Giuffrida – è all’interno dell’azienda Cannizzaro, che è ospedale di riferimento l’emergenza, ed effettua in un anno mediamente oltre 160mila interventi, in un bacino di tre province e due milioni di utenti che in estate triplicano». Il prefetto di Catania, Claudio Sammartino, ha evidenziato “la tempestività e professionalità degli operatori, nonché la capacità di prevenzione e pianificazione per il coordinamento del soccorso e le attività in emergenza dimostrate in varie circostanze e di recente in occasione del terremoto di Santo Stefano nei paesi etnei».

Isabella Bartoli, direttore responsabile della centrale operativa 118, ha sottolineato che il Modulo sanitario per le maxi-emergenze «deve essere operativo entro un’ora dalla chiamata dal Dipartimento nazionale di Protezione Civile e si attiva sia in Sicilia e sia su territorio extra-regionale con medici, infermieri, ambulanze e ospedale da campo, con un’autonomia di 72 ore, essendo quindi dotato di tutte le strutture di emergenze».COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA