Notizie Locali


SEZIONI
Catania 11°

Sport

Ginnastica, boxe e lotta: giovani talenti siciliani in passerella

Di Redazione |

La Sicilia può guardare con fiducia ai Giochi di Tokyo 2020 e ai Giochi di Parigi 2024.

I PUGNI D’ORO DI LA PIANA. Crescono infatti i talenti e dopo l’oro nella boxe ai Giochi Olimpici Giovanili in Argentina, della boxeur catanese Martina La Piana, classe 2001, della Trinacria Boxing di Giovanni Cavallaro, dai Mondiali Assoluti di ginnastica artistica femminile e lotta, arrivano altri risultati importanti.

LA LIBELLULA MESSINESE. A Doha, in Qatar, ai Mondiali Assoluti di ginnastica artistica, l’Italia ha chiuso al 12° posto la prova a squadre e ha staccato il pass per i Mondiali di Stoccarda 2019 che qualificano per i Giochi di Tokyo 2020. Un grande contributo alla squadra azzurra l’ha data la libellula messinese Sara Ricciardi, classe 1996, la ginnasta di Patti che ha anche sfiorato la finale individuale chiudendo al 26° posto dopo quattro prove senza errori ai quattro attrezzi: corpo libero, trave, volteggio e parallele. «Sara ha fatto una bellissima gara – sottolinea Maria Cocuzza, catanese, ex olimpionica di ginnastica e a Doha nelle vesti di giudice internazionale – e ha dato un grande contrito alla squadra».

 SANFILIPPO IL LOTTATORE DEL FUTURO. Si è invece fermata al secondo turno la corsa del catanese Ignazio Sanfilippo, allievo alla Lotta Club Jonio del maestro Salvatore Campanella, ai Mondiali Assoluti di lotta a Budapest. In Ungheria, nella greco-romana, Ignazio Sanfilippo, 19 anni, al suo primo Mondiale assoluto, era partito bene nei 67 kg dominando ai sedicesimi il boliviano Fidel Castro Fernandez per 9-0 con bellissima schienata finale. Lo stop per questo giovane talento catanese è arrivato nel turno successivo. Agli ottavi è stato infatti il giapponese Tsuchika Shimoyamada a fermare la corsa dell’allievo di Campanella, imponendosi per 8 a 0. «Ignazio si è ben comportato – ci dice Campanella – e all’esordio internazionale a livello assoluto ha fatto bene, anche se con il giapponese meritava sorte migliore».COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA