Notizie Locali


SEZIONI
Catania 12°

Video dalla rete

Festival di Saremo 2019, ci siamo: ma chi vincerà la gara dell’eleganza?

Di Redazione |

ROMA – Oltre alla gara canora, il Festival di Sanremo, si sa, è un banco di prova dell’eleganza maschile e femminile, in taluni casi un trampolino di lancio per nomi nuovi della moda e di tendenze, non sempre eleganti a dire il vero, quasi sempre un’importante vetrina per i marchi e gli stilisti che vestono i conduttori e le star della canzone sul palco dell’Ariston per le cinque serate. Intanto, a 24 ore dall’inizio – domani 5 febbraio – del Festival si cerca di fare il punto su «chi vestirà chi». Cominciando stavolta dai look dei conduttori, i due Claudio, Baglioni e Bisio. Virginia Raffaele nella sua terza partecipazione al 69ª Festival di Sanremo, parrebbe intenzionata a non far torto a nessuno dei marchi italiani e a scegliere solo griffe d’Oltralpe. Una decisione inaspettata per l’attrice che nel 2016 ha calcato il palcoscenico dell’Ariston per la prima volta in abiti di un giovane stilista in ascesa come Marco De Vincenzo e che alla conferenza stampa di presentazione di questa edizione del festival era vestita made in Italy dalla testa ai piedi: abito nero e cappottino del marchio italiano Mantù, stivaletti spuntati di Casadei. Anna Foglietta dovrebbe vestire invece Alberta Ferretti.

Intanto Claudio Baglioni ha indossato vestiti di Ermanno Scervino a tutte le conferenze stampa di presentazione di questa edizione e viene confermato dalla maison toscana, che vestirà con capi realizzati su misura dallo stilista per tutte e cinque le serate del festival. Il designer ha creato un guardaroba studiato apposta per Baglioni, a base di smoking impreziositi dall’uso di materiali dall’effetto scintillante come il lurex e dalla chiusura preziosa a gemello. Oltre al tradizionale nero, sono proposti colori come bianco, argento, velluto blu. Le camicie in popeline di cotone si distinguono per i ricami. Tra i look più particolari spiccano infine la giacca in tessuto damascato, con collo guru e decori ispirati agli alamari delle uniformi sul davanti e sui polsini, e quella in broccato con disegno floreale in lurex a rilievo.

Per quanto riguarda Claudio Bisio si apprende che il co- presentatore del Festival, indosserà abiti di Giorgio Armani e di Etro, che diffonde il disegno di uno smoking realizzato per l’artista composto da giacca monopetto, gilet e camicia bianca. Etro firmerà anche i look di Irama, il giovane cantante su cui c’è molta attenzione, che nell’anticipazione della maison indosserà un giubbotto in fantasia floreale Paisley tipica del marchio divenuto celebre proprio con le stampe a disegno cachemire, abbinato a jeans scuri e stivali texani. Il giovane rapper Achille Lauro debutterà a Sanremo in total look firmati dalla maison torinese Carlo Pignatelli: domani canterà Rolls Royce in smoking. Per dividere il palco con Morgan, anche lui in total look Carlo Pignatelli, durante la serata dei duetti di venerdì 8 febbraio, l’artista vestirà uno short tight. E ancora, per la serata finale di sabato, ha scelto un short frac gioiello.

C’è attesa anche per i look delle signore della canzone Patty Pravo, Loredana Bertè, Anna Tatangelo, Arisa e Paola Turci, regine di stile e portatrici sane di nuovi trend, che stanno preparando in segreto le loro mise per stupire il pubblico dell’Ariston e di RaiUno. Per il momento Tatangelo, promotrice di alcune mode indimenticabili come quella delle sopracciglia assottigliate fino a diventare righe di matita, fa rendere noto che i gioielli che porterà sul palco sanremese sono dell’azienda toscana Rue des Mille, che per la sua ottava volta al Festival, la farà brillare con i gioielli delle collezioni Stardust Alphabet e Stardust Double: girocolli, bracciali e orecchini composti di lettere e simboli in zirconi colorati con cui si creano nomi e frasi. Da Arisa ci si aspetta infine una svolta verso uno stile più grintoso di quelli mostrati negli ultimi festival di Sanremo, da quello modello Pierrot degli esordi, al completo sottoveste e maglione dell’ultima partecipazione, davvero troppo anonimo e banale per una di carattere come Arisa.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli correlati