Notizie Locali


SEZIONI
Catania 33°

BRESCIA

Uccise ladro, pm: anche omicidio vietato

Di Redazione |

BRESCIA, 13 DIC – “Se i carabinieri fossero stati chiamati oggi non saremmo qui a discutere di omicidio volontario, ma di un semplice processo per furto”. Lo ha detto il pm Kati Bressanelli davanti alla Corte d’Assise di Brescia nel corso delle repliche del processo di primo grado a carico di Mirco Franzoni, il 33enne che nel 2013 a Serle (Brescia) uccise in strada un ladro che aveva rubato a casa del fratello. Il pm ha chiesto la condanna a 16 anni per omicidio volontario. “Il sottofondo di questa vicenda è chiaro – ha detto il pm – la vittima è un ladro e chi ha sparato è un bravo ragazzo. La legge vieta il furto, ma anche di uccidere”. Il pm ha poi aggiunto di non aver “mai pensato che Franzoni sia uscito di casa con l’intenzione di uccidere, ma che si sia trattato di un impeto”. La difesa, con l’avvocato Gianfranco Abate, ha replicato: “Una volta che trova il ladro Franzoni fa chiamare da un compaesano i carabinieri. Se avesse voluto ucciderlo avrebbe sparato prima”. Sentenza attesa per il tardo pomeriggio.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA