Notizie locali
Pubblicità
[type=TEXT, value=]

Video dalla rete

Tsunami a Tonga, il momento in cui l'ondata si abbatte sulla costa

Di Redazione
Pubblicità

Lo tsunami causato dalla potente eruzione di un vulcano sottomarino nelle isole Tonga, nell’Oceano Pacifico meridionale, ha causato danni significativi, ma nessuna vittima. Lo ha affermato stamane la premier neozelandese Jacinda Ardern, mentre si considera "superata» la minaccia delle onde anomale per i Paesi che si affacciano sull'oceano, anche se per alcune ore restano possibili lievi variazioni del livello del mare. 
 «Lo tsunami ha avuto un impatto significativo sulla costa settentrionale di Nukùalofa», la capitale delle isole Tonga, «con barche e grandi rocce portati a riva», ma non sono state segnalate vittime, ha affermato Ardern. Non è ancora possibile, ha aggiunto, valutare l’entità dei danni nel piccolo regno del Pacifico poiché le comunicazioni sono tuttora interrotte. «Nukùalofa è ricoperta da una spessa nuvola di cenere vulcanica, ma per il resto la situazione è calma», ha spiegato il primo ministro dopo aver contattato l’ambasciata del suo Paese nel regno. L’isola ha bisogno di una fornitura d’acqua, ha aggiunto, perché «la nuvola di cenere ha contaminato le risorse idriche». 
 L’eruzione del vulcano sottomarino Hunga Tonga-Hunga Hàapai è stata così potente da essere avvertita fino al Cile, innescando uno tsunami che ha inondato le coste del Pacifico, dal Giappone agli Stati Uniti, con onde anomale che hanno provocato «piccole inondazioni» nelle Hawaii.
 

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Pubblicità