home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Minniti: «Nessuna guerra per successione di Riina, equilibri mafia sono cambiati»

Il ministro dell'Interno su ciò che potrebbe accadere dopo la morte del "capo dei capi"

Minniti: «Nessuna guerra per successione Riina: equilibri mafia sono cambiati»

Roma - "La morte di Riina non apre una partita per il ricambio ai vertici. E’ vero che lui era il "capo dei capi" ma è stato al 41 bis. Inoltre quella "commissione" di Cosa nostra che aveva lanciato la sfida allo Stato è al carcere duro o i suoi componenti sono morti. Quella sconfitta ha portato a un cambio di equilibrio dentro la holding delle mafie italiane, in cui la minaccia dell’'ndrangheta è cresciuta tanto da essere oggi il principale player nel traffico degli stupefacenti. Non c'è dunque da aspettarsi una guerra per la successione di Riina, perché la struttura è molto più complessa rispetto al passato". Così il ministro dell’Interno Marco Minniti in una intervista al Mattino.


"Siamo inoltre di fronte a una fase profondamente diversa - continua Minniti-: l’attacco lanciato con le stragi ha prodotto una risposta democratica molto forte e in questi 24 anni è cambiata anche la qualità del contrasto. Falcone, rompendo un vecchio sistema interpretativo, pose con chiarezza il tema della sconfitta di Cosa Nostra: all’epoca si trattava di una richiesta di rottura, oggi è un obiettivo perseguibile".

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 1
  • lilibeone

    27 Novembre 2017 - 02:02

    Si occupi di faccende più serie, il signor Minniti.

    Rispondi

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa

CALENDARIO