home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Anche Jovanotti a gamba tesa su Crocetta: «Sta prendendo in giro i disabili»

Dopo Le Iene, Pif, Ficarra e Picone, ora è il cantante ad esortare il governatore a risolvere il problema dell'assistenza: «La colpa non è della latitudine ma delle persone»

Anche Jovanotti a gamba tesa su Crocetta: «Sta prendendo in giro i disabili»

Jovanotti con Giovanni Cupidi, disabile palermitano affiancato spesso dal cantante nelle sue battaglie per aver assistenza

PALERMO - «Durante l’edicola di Fiorello «sono passato dallo "speakerscorner" per contribuire a dare voce ai cittadini siciliani disabili, presi in giro dal presidente Crocetta in un tragico gioco a nascondino veramente vergognoso. Queste persone da mesi attendono una risposta. La loro qualità di vita, spesso la loro stessa sopravvivenza, dipende dall’assistenza che la Costituzione gli garantisce come diritto e non come gesto di carità».

 

È quello che ha scritto in un lungo post su Facebook Lorenzo Jovanotti, che ne ha parlato anche nella puntata di questa mattina dello show di Fiorello, in onda stasera su Sky nella versione estesa del programma condotto dalla showman siciliano.

  

La vicenda dei disabili siciliani era stata scoperchiata dalle Iene che con un servizio hanno costretto alle dimissioni l'ex assessore alla Famiglia Giancaluca Micciché, poi era stata presa a cuore da Pif che aveva avuto un duro faccia a faccia con il governatore della Sicilia all’inizio di marzo e proprio ieri i comici Ficarra e Picone aveva esortato Crocetta a muoversi perché «i soldi ci sono». Ora l'intervento del cantante pop.

 

«Il responsabile di questa situazione in Sicilia - sottolinea Jovanotti - è il presidente Crocetta (è lui che sceglie i suoi collaboratori eventuali), lui che ha una splendida capacità retorica e dialettica ma di fatto in questo caso specifico (e ripeto specifico perché non voglio assolutamente generalizzare) sta prendendo in giro la parte più debole dei suoi concittadini, le persone con gravi disabilità, non so se ci rendiamo conto».

 

«La cosa peggiore che le Istituzioni della Repubblica possono fare nei confronti di un cittadino - aggiunge - è escluderlo, costringerlo a sentirsi un peso, un problema e non una persona. E' una cosa gravissima, scoraggiante e pericolosa perché in questi termini diventa una forma di omicidio».

 

«La sanità e le politiche sociali in Italia - continua il cantante - sono gestite a livello regionale e questo comporta spesso una disparità di trattamento a seconda del luogo di residenza. E’ semplicemente assurdo, e la colpa non è della latitudine ma solo ed esclusivamente delle persone incaricate democraticamente di rappresentare i propri cittadini».

 

Nel pomeriggio Crocetta ha fatto il punto sulle sue mosse dell’ultimo mese e mezzo: «Per il 2017 - ha scritto in una nota - sono stati già stanziati, e sono operativi, 36 milioni di fondi regionali destinati ai soggetti con disabilità gravissima. Tale fondo è in corso di erogazione, man mano che le Asp completano l’accertamento della disabilità nelle varie province. Sono già infatti stati emessi i decreti di finanziamento, a favore dei soggetti con disabilità gravissima, identificati dalle Asp di Caltanissetta (141) ed Agrigento (185)». 

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa