Notizie locali
Pubblicità

Cronaca

Si spacca il fronte degli autostraportatori: l'Aias resta sola, Aitras, Assiotrat e Assotras si sfilano

Salvatore Bella: «Rivendicazioni giuste ma tempi sbagliati»

Di Redazione

Si spaccano le associazioni degli autotrasportatori sul fermo dei tir proclamato dall’Aias di Giuseppe Richichi dall’8 al 12 novembre. Aitras, Assiotrat e Assotras prendono le distanze dallo sciopero proclamato dall’Aias. Lo dice il presidente Salvatore Bella dell’Aitras: «Le associazioni condividono le motivazioni della protesta ma ribadiscono che è necessario trovare le soluzioni nei tavoli istituzionali; di questo si stanno occupando le associazioni nazionali - dice Salvatore Bella Presidente dell’Aitras - Sono giuste le rivendicazioni dell’Aias di Richichi ma sono sbagliati i tempi per attuare un fermo: l'Italia è ancora provata dal Covid - aggiunge Bella - e le attività sono ripartite a pieno regime da poco, non possiamo fermarci adesso senza prima cercare una soluzione alternativa. E’ vero che il caro-gasolio, la carenza di AdBlue, i problemi legati alla carenza di autisti non possono più attendere ed è per questo che abbiamo dato mandato alle associazioni nazionali di interloquire con il Governo per trovare le soluzioni. L’incontro è previsto per i prossimi giorni ed è solo dopo tale confronto che si potrà valutare se sia il caso di proclamare un fermo, anche a carattere nazionale. Invito pertanto Richichi a tornare sui suoi passi e attendere gli sviluppi a livello nazionale, contribuendo così a tenere unita la categoria».
 

Pubblicità

 

 

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: