Notizie locali
Pubblicità

Mondo

Anthony Delon svela in un libro come vorrà morire il padre Alain

In "Entre chien e loup" il figlio del famoso attore francese racconta di un'espressa volontà del genitore

Di Redazione

Rapporti non sempre facili con il padre, ma alla richiesta più difficile, Anthony Delon non ha saputo dire di no: al padre mito del cinema, 86 anni e una lenta ripresa da un ictus, ha promesso che «quando sarà il momento" gli sarà vicino, lo «accompagnerà» fino alla fine. Alain Delon, che ha anche la cittadinanza della Svizzera, paese in cui risiede, negli ultimi anni non ha perso occasione per ribadire di essere favorevole all’eutanasia. Ed è rimasto molto colpito dal modo in cui il figlio Anthony si è occupato degli ultimi istanti di vita della madre, Nathalie, ex moglie di Delon scomparsa nel gennaio 2021 per un cancro al pancreas. 

Pubblicità

 

 

Invitato negli studi della radio francese RTL in occasione dell’uscita del suo libro dedicato alle vicende familiari, "Entre chien e loup", ad Anthony è stata chiesta conferma di quanto scritto, e cioè che il padre gli avrebbe fatto promettere di essergli vicino aiutandolo nel trapasso: «Sì, è vero, me lo ha chiesto», ha ammesso il figlio. «E' vero che ho 'accompagnatò mia madre - ha detto Anthony, 57 anni anche lui attore - ed è vero che lei voleva morire così come aveva vissuto, e cioè quando lo avesse deciso. Per questo aveva scelto l'eutanasia». Fino alla fine, Anthony è stato accanto alla madre Nathalie, che a sua volta è stata attrice e regista, senza tuttavia trovarsi nella situazione di dover ricorrere all’eutanasia, pratica non prevista dalla legge in Francia: «per fortuna - ha raccontato - non abbiamo dovuto far ricorso a quel procedimento. Dico per fortuna perché tutto era pronto. Avevamo la persona», ha spiegato. «Per noi sarebbe stato difficile tenerle la mano e vedere la vita che usciva da lei - ha detto Anthony - quindi non dico che l’ultima notte è stata facile ma le ultime ore sì. Perché se n'è andata in pace, ci ha salutato alle 6 del mattino e se n'è andata in pace alle 11. Mio padre è stato molto colpito da tutto questo». 

Le prese di posizione in favore dell’eutanasia di Alain Delon - per lunghi anni alle prese con la depressione - si sono moltiplicate negli ultimi tempi. «A partire da una certa età, da un certo momento - aveva detto in un’intervista l’anno scorso - si ha il diritto di scegliere di andarsene tranquillamente, senza passare dagli ospedali, dalle punture o altra roba». Eutanasia? «Ho vissuto molto - aveva continuato a spiegare Delon - e sto spesso in Svizzera, gli svizzeri sono i primi a beneficiarne. E trovo che sia la cosa più logica che esiste. E la più naturale!». Al punto da prevederla anche per il suo amato cane, Loubo, di 7 anni: «se dovesse morire prima di me - ha detto in un’intervista tempo fa - cosa che spero, non ne prenderò un altro. Se muoio prima di lui, chiederò al veterinario di farlo morire con me. Gli farà un’iniezione per farlo morire nelle mie braccia. Preferisco questo a sapere che si lascerà morire, soffrendo, sulla mia tomba». 
 

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA