Notizie locali
Pubblicità

Covid-19

Vaccini, sì alla seconda dose in vacanza. Razza: «Bene l'ok di Figliuolo»

Di Redazione

«La Conferenza delle Regioni mi ha chiesto la possibilità di essere ancor più flessiblie e dare la facoltà di fare anche in casi particolari la seconda dose in vacanza. Ho appena firmato la risposta: per la struttura va bene, ci organizzeremo e faremo gli opportuni bilanciamenti logistici delle dosi. Dal punto di vista dei flussi informativi le procedure sono già state limate, ora le Regioni le dovranno mettere in pratica». Così il Commissario per l’Emergenza Francesco Figliuolo, secondop il quale però 
l’ipotesi vaccini in vacanza «è più uno spot che una necessità, già siamo organizzati per i lavoratori non residenti o chi si sposta in altra regione per lungo tempo, poi c'è flessibilità sulla seconda dose per scaglionarla».

Pubblicità

«Laddove per eccezionali motivi dovesse rendersi necessaria la somministrazione della seconda dose a lavoratori e turisti che soggiornano al di fuori della Regione di residenza per un periodo di permanenza congruo - scrive Figliuolo nella lettera di risposta alla richiesta delle Regioni -  questa struttura, qualora informata con adeguato preavviso, è disponibile al riequilibrio delle dosi da distribuire».

«L'ok da parte del commissario Figliuolo alla seconda dose di vaccino anti-Covid in vacanza ci fa davvero piacere - ha commentato l’assessore regionale alla Salute, Ruggero Razza -. Si tratta dell’ennesima dimostrazione della buona collaborazione tra Regioni e struttura commissariale. Dopo isole minori, comunità montane e classi di età under 50, possiamo dire che la Sicilia ha fatto da apripista. Ora ci metteremo subito al lavoro. Chi viene in Sicilia per l’estate sa che avrà un’opportunità in più». 

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA