home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

SAN PAOLO

Brasile: medici cubani vogliono rimanere

Più di 150 vogliono essere indipendenti, ricevere 100% stipendio

Brasile: medici cubani vogliono rimanere

SAN PAOLO, 16 NOV - Almeno 150 medici cubani inviati in Brasile nell'ambito del programma Màs Médicos, sospeso due giorni fa dal governo dell'Avana, hanno disertato e stanno chiedendo che la giustizia locale permetta loro di restare nel paese in modo indipendente. Lo ha reso noto oggi il quotidiano Estado de Sao Paulo, citando dichiarazioni di André de Santana Correa, che rappresenta i medici cubani, che hanno fatto causa al ministero brasiliano della Sanità, l'Organizzazione panamericana della Sanità (Opas) e il governo dell'Avana. Secondo il legale, le cause si basano sul principio dell'uguale trattamento retributivo. "Perché i cubani ricevono uno stipendio minore a quello versato ai medici di altri paesi che fanno esattamente lo stesso lavoro, nelle stesse condizioni?", ha chiesto. I professionisti cubani del programma Màs Médicos ricevono solo il 30% dello stipendio pagato dalle autorità sanitarie. Il restante 70% è versato al governo dell'Avana.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

VivereGiovani.it

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa