Notizie locali
[type=TEXT, value=]

Covid-19

Coronavirus in Sicilia, Musumeci avverte: «La Fase 2 non è un "liberi tutti"»

Di Redazione
Pubblicità

«Nessuno deve pensare che la Fase 2 sia un 'tutti liberì, stiamo attenti. Il dato di tre regioni deve farvi riflettere. Veneto, Lombardia e Piemonte assieme hanno 60.000 positivi in questo momento. La Sicilia, regione particolarmente popolosa, ne ha 2.200. Ecco, noi vorremmo che questo dato possa scendere man mano che passano i giorni. Guai a dover registrare una nuova impennata». Così il governatore Nello Musumeci in un videomessaggio ai siciliani su Facebook.
«Quindi Fase 2 sì, rientri sì - aggiunge - con la necessaria prudenza, ma a patto che ognuno assuma la responsabilità delle proprie azioni. A andare in giro con la mascherina è essenziale, portare i guanti quando si va in un locale chiuso è altrettanto importante, per il resto sapete già l’ordinanza dell’altro giorno che consente varie attività. Vorremmo autorizzarne anche altre, ma non dipende da noi. Penso ai parrucchieri per uomo e per donna per esempio. Noi avevamo chiesto di poter consentire l'apertura delle botteghe già con il 4 di maggio, ma da Roma dicono che ancora è presto. Stiamo lavorando, stiamo pressando perché si possa incominciare almeno il 18 maggio con gli ulteriori provvedimenti».
«Monitoriamo le fasi del dato epidemiologico - prosegue - più si abbassano i contagi, più si allarga la rete. Questo è l'obiettivo sperando che alla fine di giugno, primi di luglio si possa essere nelle condizioni di vivere serenamente la nostra estate con le attività economiche produttive che possono tornare a pieno regime. Stiamo autorizzando la manutenzione degli stabilimenti balneari, anche come buon auspicio per potere andare a fare il bagno a mare».

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti:
Pubblicità