Notizie Locali


SEZIONI
Catania 28°

Adnkronos

Corruzione: Toti ai pm, ‘voti Riesini non hanno turbato equilibrio democratico’

Di Redazione |

Genova, 23 mag. (dall’inviata Antonietta Ferrante) – “Vinsi le elezioni con circa 380 mila voti. Il sostegno della comunità Riesina si sostanzia, nelle indagini, con una certa approssimazione, di 400 voti, giusto per proporzione e per capire che l’apporto non è tale da turbare l’equilibrio democratico del voto”. E’ uno dei passaggi della memoria di Giovanni Toti, il governatore ligure agli arresti domiciliari con l’accusa di corruzione, consegnata ai pm di Genova.

“I fratelli Testa venivano presentati come attivisti politici con incarichi in Regione Lombardia da due onorevoli. Nel loro curriculum vi erano incarichi politici legati alla Giunta regionale lombarda” e “il fatto di essere riesini e loro rappresentanti non può equivalere ad essere considerati come persone di malaffare”, aggiunge il presidente della Regione Liguria che respinge l’accusa di voto di scambio e sottolinea di aver incontrato i fratelli Testa “al massimo due volte”.

Per Toti, “alla fine di una lunga ricostruzione, nessuna utilità specifica è andata alla comunità Riesina, né in posti di lavoro né altro. Trattandosi come si evince dalle stesse indagini di persone insistenti per comportamenti ed espressioni, possibile che alcune battute anche tra me e lo staff siano state interpretate fuori dal contesto”.COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

Di più su questi argomenti: