Notizie Locali


SEZIONI
Catania 30°

Escalation

Canicattì, rubati quattro mezzi

Raffica di denunce contro ignoti formalizzate a carico di ignoti al Commissariato cittadino

Di Gaetano Ravanà |

Macchine e autocarro spariti nel nulla, ma anche furti su auto in sosta. Ad indagare, dopo aver raccolto le denunce, formalizzate a carico di ignoti, sono i poliziotti del Commissariato cittadino. E gli agenti hanno avviato le indagini per provare ad identificare i responsabili. Quattro i furti di veicoli: in via Giuseppe Gugino portata via una Fiat 500 di un quarantaseienne. Da un terreno di contrada “Santa” tra i territori di Canicattì e Castrofilippo è sparita una Fiat Multipla di un quarantaseienne, mentre in contrada “Grotta Affumata” è stata rubata una Fiat 500 di una sessantaduenne, e l’indomani mattina, l’utilitaria è stata rinvenuta e riconsegnata alla legittima proprietaria.

In contrada “Lago Secco” nelle campagne canicattinesi i ladri hanno portato via un autocarro Iveco intestato ad un pensionato ottantenne. Quattro i furti su auto: in via Di Gioia qualcuno ha aperto la portiera di una Fiat Seicento e s’è impossessato di un portafogli con all’interno tutti i documenti di un quarantenne di nazionalità rumena, residente a Canicattì; in via Famagosta presa di mira la Fiat Idea di un cinquantaseienne, e i responsabili hanno sottratto dall’abitacolo un paio di occhiali “Ray Ban” e la carta di circolazione del mezzo; in via Vittorio Emanuele sconosciuti hanno forzato lo sportello di una Lancia di una trentasettenne, ed hanno arraffato un miscelatore vasca free-standing in acciaio.

Ad

Infine da una Lancia Musa, di una trentenne, posteggiata in via Colombo è stato rubato il porta documenti contenente la carta di circolazione e la polizza assicurativa della vettura. In quest’ultimo caso l’incursione è stata ripresa da una telecamera. Dalle immagini ad entrare in azione sarebbe stata una donna non ancora identificata. In tutti i casi, la polizia ha informato la Procura della Repubblica di Agrigento, che sta coordinando le attività investigative.COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

Di più su questi argomenti: