Notizie Locali


SEZIONI
Catania 12°

il caso

Monti Sicani e la follia del “dimensionamento” che cancella due scuole: proteste (e c’è una proposta)

Distanze, assenza di trasporto pubblico locale e viabilità pericolosa: ecco le ragioni del no

Di Redazione |

Il piano nazionale di dimensionamento delle istituzioni scolastiche, per il 2024/2025, prevede in Sicilia la soppressione di numerose presidenze, nove in provincia di Agrigento, delle quali, due dovrebbero riguardare l’area dei comuni dei Monti Sicani.

Questo comporterebbe la perdita delle sedi amministrative dell’I.C. “A. Manzoni”, che comprende i plessi di Alessandria della Rocca, Bivona e Cianciana e dell’I.C. “Lorenzo Panepinto”, con i comuni di Santo Stefano Quisquina e San Biagio Platani, che verrebbero entrambi accorpati all’I.C. “De Cosmi” di Casteltermini.

Una fusione che risponderebbe, esclusivamente, a parametri numerici ed economici, non tenendo conto degli enormi disagi che comporterebbe a circa trecento operatori della scuola ed anche alle intere comunità, considerando la disomogeneità territoriale delle realtà coinvolte, l’inesistenza del trasporto pubblico locale, la viabilità pericolosa, le problematiche dovute al trasferimento della dirigenza e degli uffici, la perdita di titolarità del personale, l’interruzione della continuità didattica.

Pertanto, in alternativa, la proposta del personale scolastico, docente e non, e dei cinque sindaci, supportata, con vigore, dalle famiglie dei suddetti comuni, è la creazione di un unico e nuovo istituto comprensivo che unirebbe i due istituti attuali , “A. Manzoni” e “Panepinto”.

Questa alternativa, non solo rispetterebbe il parametro numerico fissato a livello regionale, ma andrebbe anche a tutelare e salvaguardare il mantenimento di un’Istituzione scolastica all’interno dei cinque comuni dell’entroterra, ovvero Santo Stefano, Bivona, Alessandria della Rocca, Cianciana, San Biagio Platani.

Numerose le manifestazioni di protesta realizzate, finora, contro il temuto accorpamento, come i partecipati scioperi, organizzati da alunni e genitori, le assemblee sindacali.

In particolare, martedì scorso, si è tenuta, presso la sede centrale dell’I.C. “A. Manzoni” di Alessandria della Rocca un’assemblea sindacale territoriale, presenziata anche dai referenti provinciali, per il comparto scuola, di CGIL, CISL e UIL, al fine di ribadire, con fermezza, il netto dissenso alla soppressione dei due Istituti Comprensivi “Maestro Lorenzo Panepinto” e “Alessandro Manzoni” ed al loro accorpamento con l’Istituto Comprensivo “De Cosmi” di Casteltermini!COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

Di più su questi argomenti: