Notizie Locali


SEZIONI
Catania 34°

Sanità

Verso la contrattualizzazione dodici strutture odontoiatriche agrigentine

Il T.A.R. Palermo, con diverse ordinanze, ha accolto le istanze cautelari presentate dai legali rappresentanti tramite l'avvocato Girolamo Rubino

Di Gaetano Ravanà |

Il T.A.R. Palermo, con diverse ordinanze, ha accolto le istanze cautelari presentate da altre dodici strutture odontoiatriche aventi sede, rispettivamente, ad Agrigento, Favara, Santa Elisabetta, Aragona, Calamonaci, Canicattì e Ravanusa, le quali, sebbene rientranti tra le strutture sanitarie della provincia accreditate, non hanno ottenuto dall’A.s.p. di Agrigento la contrattualizzazione per erogare prestazioni specialistiche ambulatoriali per conto del S.S.R.

Queste ultime, pertanto, hanno deciso di rivolgersi al Giudice Amministrativo al fine di ottenere l’annullamento dei rispettivi provvedimenti di diniego da parte dell’Asp e l’accertamento dell’obbligo della stessa a procedere alla contrattualizzazione e all’assegnazione del relativo budget.

Nonostante l’ulteriore previsione di risorse per procedere alla contrattualizzazione di nuovi soggetti, infatti, l’Azienda Sanitaria provinciale di Agrigento ha negato la contrattualizzazione delle dieci strutture accreditate, in ragione del fatto che, per la branca di odontoiatria, sarebbero già state contrattualizzate in Provincia di Agrigento ben 42 strutture odontoiatriche e che, dunque, non sussisterebbe l’esigenza di nuove strutture .

Avverso tali provvedimenti di diniego, le dodici strutture odontoiatriche di Agrigento, Favara, Santa Elisabetta, Aragona, Calamonaci, Canicattì e Ravanusa, hanno dunque, proposto ricorso, con il patrocinio degli Avv.ti Girolamo Rubino e Giuseppe Impiduglia, i quali, richiamando la più recente giurisprudenza in materia secondo cui le strutture accreditate che ne facciano richiesta devono essere contrattualizzate senza ulteriori limitazioni o differimenti, non potendo protrarsi “una situazione di oligopolio in favore delle strutture a suo tempo contrattualizzate, destinate, quindi, a gestire l’intero fabbisogno all’infinito”, hanno contestato l’illegittimità dei provvedimenti di diniego delle istanze di contrattualizzazione presentate dagli odontoiatri, in quanto adottati in manifesta violazione dei principi comunitari in materia di concorrenza ed in assenza di un’adeguata istruttoria.

Il T.A.R. Palermo, Prima Sezione, ritenendo opportuno un più approfondito esame nel merito della questione e delle censure esposte nel ricorso, ha accolto le istanze cautelari formulate dagli Avv.ti Girolamo Rubino e Giuseppe Impiduglia al fine di una sollecita fissazione delle relative udienze per l’ulteriore prosecuzione dei giudizi.

All’udienza che si terrà il prossimo 24 marzo 2022, si deciderà, dunque, sulla contrattualizzazione delle dodici strutture odontoiatriche di Agrigento, Favara, Santa Elisabetta, Aragona, Calamonaci, Canicattì e Ravanusa.COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

Di più su questi argomenti: