Notizie Locali


SEZIONI
Catania 29°

Archivio

Fase 2: malcontento in maggioranza su dl Ripresa, testo non pronto, caos su banche

Di Redazione |

Roma, 10 mag. (Adnkronos) – A minuti, salvo sorprese, al via l’incontro Conte-capi delegazione per chiudere sul dl imprese. Ma mentre il premier e il ministro dell’Economia, Roberto Gualtieri, accelerano per un decreto che doveva essere di aprile e poi diventato di maggio, si aprono crepe nella maggioranza per un provvedimento che molti reputano lontano dall’essere pronto per ottenere il disco verde del Cdm. Non è un caso che qualcuno già dia per scontato che il via libera arrivi ‘salvo intese’, formula che sta a significare che il testo resta ‘aperto’, da rivedere e correggere prima dell’invio in Parlamento, “non è il massimo per un decreto di 55 miliardi”, lamenta una fonte di governo di primo piano.

L’ultima bozza, risalente a mezzanotte e trenta, riporta su ogni pagina la dicitura ‘bozza non verificata’, ed è stata inviata ai ministri solo alle 9.30 di questa mattina, raccontano diverse fonti di maggioranza all’Adnkronos. Si tratta di un testo di ben 434 pagine, ecco perché Iv chiede che il preconsiglio -che dovrebbe tenersi nel pomeriggio- slitti, per avere più tempo a disposizione per studiare e approfondire il testo. Non solo. Tante le misure proposte dai diversi ministeri -lamentano in particolare dalle file del M5S- che non hanno trovato spazio nel testo, il che sta generando parecchio malcontento. Ci sono inoltre nel testo delle norme sulle banche che non piacciono affatto ai 5 Stelle, che intendono fare chiarezza.COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

Di più su questi argomenti: