Notizie Locali


SEZIONI
Catania 30°

Un siciliano eletto al Quirinale

Un siciliano eletto al Quirinale Mattarella è presidente della Repubblica

Succede a Giorgio Napolitano, è il dodicesimo Capo dello Stato

Di Redazione |

Il palermitano Sergio Mattarella è il dodicesimo presidente della Repubblica. E’ stato eletto al quarto scrutinio con 665 voti superando dunque abbondantamente il quorum era di 505. Mattarella è nato a Palermo il 23 luglio 1941 e dal 2011 è giudice della corte costituzionale. Il padre Bernardo è stato uno dei fondatori della Democrazia cristiana in Sicilia, mentre il fratello Piersanti, da presidente della Regione il 6 gennaio 1980 fu ucciso in un agguato di cosa nostra. Nel 1983 Sergio Mattarella, avvocato e docente di diritto parlamentare all’università di Palermo, viene eletto deputato con la Dc. Negli anni Ottanta è anche ministro dei rapporti con il parlamento nei governi di De Mita e Goria. È stato ministro dell’istruzione durante il sesto governo Andreotti, ma nel 1990 insieme ad altri quattro ministri si dimise dall’incarico per protestare contro l’approvazione della legge Mammì, che favorisce le reti televisive della Fininvest. Quando il governo Andreotti chiede la fiducia, Mattarella dichiara: “Naturalmente voteremo la fiducia, ma questo non significa che non abbiamo fatto bene a dimetterci dal governo”. È stato anche il relatore della legge Mattarella, poi chiamata “Mattarellum”, che nel 1993 riforma il sistema elettorale introducendo il sistema maggioritario. Il Mattarellum viene sostituito nel 2005 dalla legge Calderoli, nota come “Porcellum”. Tra il 1992 e il 1994 Mattarella è stato anche direttore del quotidiano Il Popolo. Dopo lo scioglimento della Democrazia cristiana è uno dei promotori del Partito popolare italiano. Nel 1996, anno della vittoria elettorale dell’Ulivo guidato da Romano Prodi, è nominato capogruppo dei popolari alla Camera. Finito il governo Prodi ricopre l’incarico di vicepresidente del consiglio nel nuovo governo D’Alema. Nel successivo governo D’Alema è nominato ministro della difesa. Nel 2001 è eletto deputato nelle liste della Margherita e in seguito riconfermato per la lista dell’Ulivo con un incarico che ha ricoperto fino al 2008. Il 5 ottobre 2011 il parlamento lo elegge giudice della corte costituzionale.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: