Notizie Locali


SEZIONI
Catania 25°

Viadotto crollato, il Pd chiede commissione d’inchiesta sull’Anas

Viadotto crollato, il Pd chiede commissione d’inchiesta sull’Anas

Sebbene il presidente Ciucci abbia spiegato anche oggi in Senato che non ci sono stati premi per la consegna anticipata e che erano state fatte tutte le veriche tecniche, il Pd vuole indagare sulle opere realizzate

Di Redazione |

ROMA – «Non c’è stato nessun premio di accelerazione per l’impresa e non c’è stato né ci sarà un bonus per i dirigenti Anas e non ci sarebbe stato nemmeno senza problemi». Il presidente dell’Anas, Pietro Ciucci, durante un’audizione davanti alla Commissione lavori pubblici del Senato, torna a parlare sul cedimento di una rampa del viadotto di Scorciavacche sulla Palermo-Agrigento. Era stata aperto in anticipo «al traffico solo un chilometro in via provvisoria e in modalità cantiere, pensate possa portare a premi? » ha detto Ciucci. Che ha aggiunto: «Abbiamo fatto tutte la attività per aprire in sicurezza la strada: le prove di carico sui viadotti, e tutti i controlli previsti per il rilevato» (la rampa che poi ha ceduto, ndr).   Rassicurazioni e parole che evidentemente non sono bastate al senatore del Pd Marco Filippi che, al termine dell’audizione di Ciucci, ha annunciato che il gruppo del Pd «chiederà l’istituzione di una commissione di inchiesta sulla gestione operativa di Anas e sulle opere realizzate negli ultimi anni». Il senatore ha spiegato al presidente di Anas: «Ho trovato le sue risposte insoddisfacenti: la sensazione di occultamento e fretta non sono diradate ma rafforzate. Credo che quanto avvenuto sia un caso paradigmatico di un modo di operare inaccettabile. Ritegno che per il Parlamento, al di là di quello che è avvenuto, sia necessario fare piena luce sulle relazioni tra le cose, come sui premi di accelerazione e il frazionamento dei lotti e quante altre opere sono state aperte senza certificazione».

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA