Notizie Locali


SEZIONI
Catania 13°

operazione antimafia doppio Petto

Usura, droga ed estorsioni a Catania, colpo agli affari del clan Pillera-Puntina

Il blitz della Polizia: una decina di arresti (tra cui la moglie e un figlio del boss Nuccio Ieni)

Di Laura Distefano |

Blitz all’alba della polizia di Catania. L’operazione della Direzione Distrettuale Antimafia etnea ha colpito gli affari criminali di alcuni parenti del boss dei Pillera-Puntina Nuccio Ieni, morto in carcere lo scorso maggio. I poliziotti della squadra mobile hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare nei confronti di oltre dieci indagati. In manette tra gli altri anche la moglie e un figlio del boss deceduto Nuccio Ieni.

Gli arrestati sono accusati, a vario titolo, di detenzione e porto di armi, estorsione aggravata dal metodo mafioso, usura, trasferimento fraudolento di valori, associazione finalizzata al traffico di droga.Nel corso dell’indagine, svolta tra il 2021 e il 2022, sono stati eseguiti alcuni arresti in flagranza, per i reati di estorsione e spaccio di droga.La misura cautelare ha colpito anche affiliati a gruppi mafiosi catanesi diversi da quello dei Pillera-Puntina. Altri dettagli dell’inchiesta Doppio Petto saranno dati nel corso di un incontro con la stampa.

il questore Giuseppe Bellassai: «Quella di oggi è un’operazione che ha colpito un clan che è strategico nel panorama catanese. Sono estremamente soddisfatto del risultato e manifesto la mia gratitudine al lavoro svolto dalla Squadra mobile».

In aggiornamentoCOPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA


Articoli correlati