Notizie Locali


SEZIONI
°

I particolari

Altavilla Milicia, la strage familiare degli orrori: la moglie bruciata e uno dei figli uccisi torturato

Emergono particolari agghiaccianti dal triplice omicidio commesso da Giovanni Barreca. L'assassino, che ha ucciso la moglie e due figli, si è consegnato ai carabinieri

Di Redazione |

Del cadavere di Antonella Salamone, uccisa dal marito Giovanni Barreca insieme ai due figli di 3 e 16 anni, sarebbero state trovate solo alcune parti sepolte nel terreno vicino casa della coppia, ad AltavillaMilicia (Pa). Secondo quanto si apprende la donna sarebbe stata bruciata e sepolta. Il delitto sarebbe particolarmente efferato: uno dei figli uccisi sarebbe stato torturato e strangolato con delle catene.

Giovanni Barreca, il 54enne che ha sterminato la famiglia uccidendo moglie e due figli, sarebbe unfanatico religioso. Nel delitto, secondo alcune indiscrezioni, sarebbe coinvolta anche una coppia di conoscenti. Si è salvata una terza figlia di 17 anni che avrebbe assistito ai fatti e che è stata soccorsa dai sanitari del 118. Secondo i primi riscontri basati sul racconto della 17enne sopravvissuta alla strage della sua famiglia, Barreca, durante la notte si sarebbe svegliato farneticando di aver percepito presenze demoniache in casa. La ragazzina, unica superstite, si è alzata dal letto intontita e ha visto i corpi dei fratelli.

Saranno sospesi tutti gli eventi previsti per il carnevale e verrà indetto il lutto cittadino nel giorno dei funerali delle vittime: lo annuncia il sindaco di Altavilla Milicia, Giuseppe Virga. «Voglio esprimere il cordoglio della comunità nei confronti delle famiglie coinvolte in questo tragico fatto», dice il primo cittadino.

AGGIORNAMENTO: Non sarebbero umani i resti ritrovati sepolti nel terreno della casa di Giovanni Barreca. In un primo momento gli investigatori avevano sospettato che quanto scoperto in giardino appartenesse alla donna, ma invece di tratterebbe di resti animali. Il corpo della vittima, Angela Salamone, dunque, non è stato ancora ritrovato.COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA


Articoli correlati