Notizie Locali


SEZIONI
Catania 22°

Cronaca

Assenteismo Reset. i badge nascosti dietro il quadro dei carabinieri

Di Redazione |

C’era chi nascondeva i badge dei colleghi dietro a un quadro dei carabinieri appeso vicino alla macchinetta della timbratura e chi, invece, li teneva in tasca. Immortalati dalle telecamere degli investigatori i dipendenti infedeli dell’ufficio Servizi cimiteriali del Comune di Palermo strisciavano i tesserini uno dietro l’altro. E, dopo aver attestato la presenza in servizio, c’era anche chi andava tranquillamente a fare la spesa. Adesso per 18 di loro è scattato l’obbligo di presentazione alla Polizia giudiziaria, sono accusati di falsa attestazione di presenza in servizio e truffa ai danni dell’Amministrazione comunale.

Nell’indagine, scattata dopo una segnalazione anonima e andata avanti per cinque mesi, sono complessivamente 55 gli indagati più di un terzo dei circa 150 dipendenti che prestano servizio nell’ufficio. Il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, oltre ad annunciare la costituzione del Comune parte civile, promette “da subito delle severe misure disciplinari”. Sono oltre 2mila le timbrature sospette, di cui 240 accertate e contestate. “Un fenomeno pervasivo, diffuso e generalizzato”, dicono gli investigatori dell’Arma e della Polizia municipale, coordinati dalla Procura di Palermo.COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

Di più su questi argomenti:

Articoli correlati