Notizie Locali


SEZIONI
Catania 15°

Catania

Catania, carenze igienico sanitarie, lavoratori in nero e dehor illegale: raffica di sanzioni per un ristorante alla Stazione

Oltre 60.000 euro di multa al titolare del locale e sequestro penale della struttura esterna

Di Redazione |

Raffica si sanzioni e prescrizioni da parte della polizia di Stato per una ristorante nelle immediate adiacenze della stazione centrale di Catania in Piazza Papa Giovanni XXIII. Il controllo, coordinato dal Commissariato Centrale, è stato eseguito dalla squadra amministrativa dello stesso Commissariato in collaborazione con personale della Sezione Polizia Ferroviaria di Catania, e con la partecipazione, ciascuno per gli aspetti di specifica competenza, di personale dell’Asp Spresal, dell’Asp Dipartimento Igiene Pubblica, dell’Asp Dipartimento Veterinario, dell’Ispettorato del Lavoro e dell’Ispettore Centrale Repressioni Frodi.

Gravi violazioni

È stato possibile accertare una serie di gravi violazioni, alcune di carattere penale, altre di natura amministrativa, commesse dal titolare dell’attività. Sono state appurate: presenza di tre lavoratori non in regola, con applicazione di una maxi sanzione e la sospensione dell’attività; presenza di prodotti alimentari privi di tracciabilità, che sono stati sequestrati amministrativamente; violazioni di natura igienico-sanitaria per mancate procedure HACCP, mancata comunicazione di variazioni strutturali e sospensione dell’uso di un grande deposito proprio per la mancanza di tali requisiti igienico-sanitari; violazioni della normativa in materia di sicurezza sui luoghi di lavoro (estintori scaduti, vie di esodo bloccate, bombole di gas ammassate in luogo non areato, impianto elettrico in pessime condizioni).

Le multe

Per tali motivi sono state elevate sanzioni amministrative per un ammontare di circa 60 mila euro e sono state imposte numerose prescrizioni cui il titolare del ristorante dovrà conformarsi nei prossimi giorni.

Inoltre, il proprietario aveva installato abusivamente sul suolo pubblico una struttura metallica autoportante esterna, ancorata saldamente al marciapiede, all’interno della quale aveva collocato sedie, tavolini e divanetti destinati ad accogliere i clienti in attesa di poter consumare il pranzo o la cena. Pertanto, il titolare veniva denunciato in stato di libertà anche per il reato di invasione di terreni o edifici, con conseguente sequestro penale della struttura.COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

Di più su questi argomenti: