Notizie Locali


SEZIONI
Catania 12°

la conferenza episcopale

I vescovi siciliani ridanno il via libera alle processioni religiose

La decisione è legata all'annuncio del governo italiano che dal 31 marzo ha deliberato la cessazione dello stato d'emergenza   

Di Redazione |

Dopo la sospensione improrogabile per via della pandemia, adesso le cose sono cambiate e le processioni religiose sono ad un passo dalla ripresa definitiva. I vescovi siciliani, infatti, hanno riflettuto su quest’opportunità, ormai non tanto remota ed hanno deciso il da farsi: qualora il Governo italiano, il prossimo 31 marzo, decida di revocare lo stato di emergenza relativo alla pandemia provocata dal Covid 19, che da 2 anni ha cambiato lo stile di vita e le tradizioni di tutto il mondo, gli eventi riprenderanno senza tanti impedimenti.

I vescovi si sono radunati nel pomeriggio, presso la sede di Corso Calatafimi, a Palermo, dove si è svolta la Sessione primaverile della Conferenza Episcopale Siciliana. Ha presieduto i lavori il vice-presidente, monsignor Michele Pennisi. In apertura della Sessione i Vescovi hanno accolto monsignor Luigi Renna che per la prima volta partecipava ai lavori ed hanno rivolto un caloroso saluto a monsignor Salvatore Gristina, arcivescovo emerito di Catania, che ha concluso il suo mandato di presidente della CESi.

 Nel corso della sessione, è stato ribadito che le processioni religiose potrebbero riprendere a partire dalla domenica delle Palme, il prossimo 10 aprile. «Quale gesto concreto di compassione col popolo ucraino, inoltre i vescovi invitano tutti ad evitare i fuochi o le cosiddette "bombe pirotecniche" per le prossime feste pasquali, cioè quelle relative alla domenica delle Palme, alla Santa Pasqua ed al lunedì di Pasquetta. I vescovi vorrebbero vietare questi atti, in un momento storico nel quale uomini, donne, anziani e, specialmente, bambini sono atterriti dal suono delle sirene russe e uccisi dalle bombe belliche che vengono lanciate sul territorio ucraino e che lo stanno devastando. In segno concreto di solidarietà, si invita anzi a convertire il corrispettivo denaro speso per l’acquisto di fuochi pirotecnici in aiuti umanitari ai profughi che saranno accolti nelle nostre Diocesi e nelle nostre Città», conclude la nota.COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

Di più su questi argomenti: