Notizie Locali


SEZIONI
Catania 15°

LA STORIA

Migranti: ventenne arriva sotto choc, finisce in psichiatria, ma resta ricoverato anche se sta meglio. Ecco perchè

Nonostante le sollecitazioni del responsabile del reparto di Corleone dove si trova,i gestori della struttura non sono andati mai a prelevarlo

Di Nicoletta Gullotta |

Mohamed Soumarou, 20 anni, della Guinea arrivato a bordo di un barcone il 30 ottobre a Lampedusa, è ora ricoverato nel reparto di Psichiatria dell’ospedale di Corleone (Pa), nonostante i medici ritengano che non abbia più bisogno di cure.   Giunto dopo un lungo viaggio di oltre un anno iniziato in Africa, portato all’hotspot dell’isola ha avuto una violenta reazione, forse dettata dalla paura di dovere tornare nel suo Paese e ha danneggiato la struttura.

«Sembrava pazzo», ha raccontato chi ha visto la sua reazione. Tanto che era stato chiesto un Tso che il giudice di Agrigento ha però poi revocato. Da quando si trova nel reparto non è stato necessario somministrargli farmaci e la situazione è rientrata tanto che la prefettura di Palermo ha individuato in una struttura d’accoglienza di Caccamo un posto dove potere accogliere il migrante. 

 Solo che dai primi di novembre ad oggi i gestori della struttura non sono andati mai a prelevarlo, nonostante le sollecitazioni del responsabile del reparto di  psichiatria.

 «Più volte abbiamo chiesto ai responsabili della struttura di andare a prendere il ragazzo che si trova ricoverato in psichiatria da un mese ormai – dice il direttore del dipartimento di salute mentale dell’Asp di Palermo Maurizio Montalbano – Quando è arrivato a Lampedusa il ha provocato diversi danni all’hotspost. La situazione però poi è tornata nella norma». 

 Domani, il 20enne dovrebbe giungere a Caccamo anche se in passato problemi tecnici, come il guasto dell’auto della comunità, non hanno consentito il passaggio da Corleone al centro.

In queste ore è stata spedita una nuova pec a tutti gli organi coinvolti nella vicenda. La speranza che domani per Mohamed possa iniziare una nuova vita.  COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

Di più su questi argomenti: