Notizie locali
Pubblicità

Cronaca

Donna morta a Lentini, il marito in tv: «Ecco perchè non ho chiamato subito i soccorsi»

La morte di Naima Zahir, marocchina 45enne, resta ancora un caso su cui si sta indagando per capire se si è suicidata o se è stata uccisa

Di Redazione

E’ uscito di casa, assieme al figlio, lui per andare in una pizzeria e il giovane a prendere dell’acqua in un supermercato, e quando un’ora dopo è rientrato ha trovato la moglie sul letto, le ha tolto il coltello dal collo e ha tentato di rianimarla, ma era già morta, e con uno straccio ha pulito la pozza di sangue per terra nella stanza. E' la ricostruzione fornita, a Ore 14 di Raidue, da Massimo Cannone, il tappezziere di 45 anni marito di E’ uscito di casa, assieme al figlio, lui per andare in una pizzeria e il giovane a prendere dell’acqua in un supermercato, e quando un’ora dopo è rientrato ha trovato la moglie sul letto, le ha tolto il coltello dal collo e ha tentato di rianimarla, ma era già morta, e con uno straccio ha pulito la pozza di sangue per terra nella stanza. E' la ricostruzione fornita, a Ore 14 di Raidue, da Massimo Cannone, il tappezziere di 45 anni marito di Naima Zahir, la 45enne originaria del Marocco, ritrovata la sera di due giorni fa senza vita a terra nella loro abitazione di Lentini. Formulando un’ipotesi sull'accaduto: «secondo me ha fatto tutto da sola, poi non lo so...».

Pubblicità

 

 

«Quando sono entrato - ha detto - le ho tolto il coltello dal collo, uno di quelli che abbiamo in cucina, e ho cercato di darle aiuto. La porta di casa non era stata forzata. C'era sangue dappertutto perché prendeva dei farmaci anticoagulanti per curare l’ischemia. Ho preso un mocio e ho pulito il sangue per terra. Poi ho mandato un messaggio a mio figlio dicendogli di vederci da suo zio perché non volevo che vedesse quella scena. Poi è stato mio fratello che ha chiamato polizia e l'ambulanza». «E' vero che mi hanno indagato - ha confermato Cannone - mi hanno anche sequestrato tutti gli abiti, ma sono libero e mercoledì c'è l’autopsia. Mi hanno detto che non dovevo toccare alcunché, perché è la scena del crimine. Ma io non potevo non cercare di aiutarla. Perché non chiamato un’ambulanza? Perché al 90 per cento era morta, anzi sicuramente era morta. Non sapevo quello che facevo, il quel momento il mio cervello se ne è andato in tilt. Problemi in famiglia? Mai avuti in 25 anni di matrimonio, e mai tra noi»
 

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: