Notizie locali
Pubblicità

Cronaca

Strage di Licata, l'assassino è ancora in vita: «Dichiarata la morte cerebrale»

Angelo Tardino, inizialmente dato per deceduto dopo che si è sparato un colpi di pistola in testa,, sarebbe in fin di vita

Di Redazione

Non è morto Angelo Tardino, 48 anni, l’uomo che ha sterminato la famiglia del fratello a Licata uccidendo anche la cognata e due nipotini. I carabinieri pensavano in 
un primo momento che fosse deceduto dopo essersi sparato un colpo di pistola, ma successivamente hanno scoperto che l’uomo respirava ancora. Tardino, che è agonizzante, è stato intubato e trasferito in elisoccorso all’ospedale Sant'Elia di Caltanissetta.

Pubblicità

Le sue condizioni sono gravissime, avrebbe il cervello spappolato dal colpo di pistola calibro 9 che si è sparato alla tempia dopo aver compiuto il massacro. I sanitari che lo hanno soccorso hanno parlato di «morte cerebrale». Dieci Carabinieri stanno presidiando il pronto soccorso dell’ospedale Sant'Elia di Caltanissetta dove Tardino è stato ricoverato. L’uomo come detto sarebbe in morte cerebrale quindi in coma. Al momento il paziente è stato portato alla Tac.

«Il paziente è in fin di vita e non operabile. Le lesioni riportate sono gravissime e incompatibili con la vita», ha detto il primario del reparto di Rianimazione dell’ospedale Sant'Elia di Caltanissetta, Giancarlo Foresta, che ha assistito personalmente Tardino appena arrivato in pronto soccorso. 
 

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA