Notizie Locali


SEZIONI
Catania 31°

LE INDAGINI

Scoperto il secondo covo di Matteo Messina Denaro: è un bunker vicino al primo nascondiglio

Si tratta di una camera segreta ll’interno di un’altra abitazione a Campobello di Mazara

Di Redazione |

Che ci fosse un secondo covo di Matteo Messina Denaro sembrava chiaro a tutti. Così i magistrati della Procura di Palermo e i carabinieri del Ros l'avrebbero individuato in men che non si dica. Oltre all’appartamento di vicolo San Vito a Campobello di Mazara, scoperto ieri, il capomafia avrebbe fatto realizzare una sorta di bunker all’interno di un’altra abitazione nella stessa area. 

Non è ancora chiaro se si tratti del luogo in cui il capomafia nasconde il suo tesoro: documenti riservati, pizzini, soldi che i magistrati cercano. Lo scopriranno i carabinieri dopo la perquisizione del bunker appena scoperto, che si trova a circa 300 metri dall’abitazione in vicolo San Vito. 

A questo secondo covo gli investigatori del Gico della Guardia di Finanza sarebbero arrivati grazie all’analisi di alcuni dati catastali. Secondo quanto si apprende da fonti qualificate, proprio lo screening su questa serie di informazioni, assieme ad un’analisi del contesto scaturita da un’attività informativa e investigativa, ha infatti consentito di localizzare il covo. 

Le informazioni raccolte grazie all’attività investigativa, sempre secondo quanto si è appreso, avrebbero fornito alla Gdf una serie di elementi sulla possibilità che all’interno di quella abitazione potesse esservi un bunker. Informazioni che sono state immediatamente condivise con il procuratore di Palermo Maurizio De Lucia, che ha delegato la perquisizione alle Fiamme Gialle e ai Carabinieri. Al momento nell’abitazione sono al lavoro i Ris dell’Arma, per raccogliere eventuali tracce biologiche e documentare lo stato dei luoghi, poi comincerà la perquisizione vera e propria. 

Matteo Messina Denaro è stato frattanto sottoposto ad una lunga visita medica nel penitenziario di massima sicurezza dell’Aquila. L’ex superlatitante, affetto da una malattia, in questi sue prime ore di detenzione al 41 bis si è dimostrato molto attivo e apparentemente sereno. Il detenuto è stato visitato dal professor Luciano Mutti, primario del reparto di oncologia a gestione universitaria dell’ospedale San Salvatore. L’incontro sarebbe durato circa un’ora. Secondo quanto si è appreso, nonostante uno strettissimo riserbo, tutte le terapie e le procedure verranno attuate preferibilmente in carcere per ridurre al massimo gli spostamenti in ospedale che farebbero scattare misure di sicurezza molto importanti.  Nulla di più viene fatto trapelare sulle condizioni del boss: è certo che i sanitari stanno esaminando esami e documenti inviati dai medici di Palermo, poi verrà stabilita la strategia d’intervento tra cui anche la chemioterapia. Somministrazione che, secondo quanto si è appreso, sarà effettuata in uno spazio riservato in carcere alla presenza dell’oncologo, molto probabilmente lo stesso professor Mutti. Comunque, emerge da fonti sanitarie, la Asl provinciale dell’Aquila ha preso in carico il paziente ed è in continuo contatto con l'Amministrazione carceraria. COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA


Articoli correlati