Notizie Locali


SEZIONI
Catania 16°

Indagini

Sparatoria a Catania, individuato chi ha lasciato il ferito al Policlinico

Il giovane accompagnato in ospedale, 21 anni, è il figlio di uno degli indagati e già condannati in primo grado della maxi inchiesta "Skanderbeg"

Di Laura Distefano |

Cominciano a delinearsi i contorni della sparatoria avvenuta la scorsa notte a Catania. I poliziotti che stanno indagando su un tentato omicidio sono riusciti a risalire al conducente di una delle auto che ha accompagnato e lasciato il 21enne ferito alla gamba da una pistolettata, al pronto soccorso del Policlinico. Avrebbe visto la vittima in difficoltà in via San Zenone, stradina che spunta in via Capo Passero a Trappeto Nord. E da lì sarebbe partita la decisione di correre in ospedale anziché chiamare un’ambulanza.

La versione resa non avrebbe però convinto gli investigatori della Squadra Mobile etnea. Non sarebbero stati trovati riscontri alla ricostruzione. I poliziotti stanno ancora indagando, anche sentendo amici e familiari del ferito, per cercare di individuare il luogo esatto degli spari. Il 21enne è stato sottoposto a un delicato intervento chirurgico al quadricipite e al femore e ora è ricoverato in ortopedia. Gli investigatori stanno attendendo il nullaosta dei medici per poterlo interrogare. La vittima è figlio di uno degli indagati e già condannati in primo grado della maxi inchiesta “Skanderbeg”, che nel 2020 fece chiudere bottega a 12 piazze di spaccio tra via Capo Passero, via Ustica e via Pantelleria.COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA


Articoli correlati