Notizie Locali


SEZIONI
Catania 9°

Lo scandalo nella chiesa Armerina

Slitta ad Enna la requisitoria per don Rugolo accusato di violenza sessuale su minori

In una chat le confidenze della vittima ad un'amica

Di Redazione |

Slittano la requisitoria del pm Stefania Leonte e le conclusioni degli avvocati delle parti civili, previste per oggi, nel processo a don Giuseppe Rugolo, il sacerdote accusato di violenza sessuale su minori. Dopo una lunga camera di consiglio, il tribunale di Enna presieduto da Francesco Pitarresi, ha ammesso la produzione di una chat che comproverebbe le confidenze sugli abusi subiti tra la presunta vittima, Antonio Messina, che ha denunciato il sacerdote, e una amica.

La chat completa

Il prossimo 21 novembre, dunque, si terrà un’udienza interlocutoria per nominare un consulente che dovrà estrapolare dall’account della vittima la chat completa. Restano confermate le altre due date di udienza, il 13 dicembre e il 10 gennaio, giorno della sentenza che però, a questo punto, sembra improbabile sia emessa in quella data.

L’elogio e la polemica

Proprio ieri nel corso di un incontro con l’associazione Piccola Casa della Misericordia di Gela, Papa Francesco aveva elogiato il vescovo di Piazza Armerina Rosario Gisana, titolare della diocesi di don Rugolo, definendolo un «perseguitato». Una dichiarazione che aveva suscitato la reazione di Messina: “Questo vescovo – aveva detto riferendosi a Gisana – è lo stesso intercettato mentre parla con Rugolo e dice di avere insabbiato tutto”.COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

Di più su questi argomenti:

Articoli correlati