Notizie Locali


SEZIONI
Catania 27°

Interrogatorio

Corruzione, Toti: «Soldi al partito non merce di scambio, bonifici Spinelli dal 2015»

Lo sostiene, in una memoria consegnata ai pm di Genova, il governatore ligure Giovanni Toti, ai domiciliari con l'accusa di corruzione

Di Antonietta Ferrante |

La procura di Genova interpreta “erroneamente” i bonifici fatti dall’imprenditore Aldo Spinelli e non ricorda che la prima elargizione del gruppo Spinelli “alle campagne politiche del mio partito risale addirittura alla prima campagna elettorale (2015) quando io non ero ancora governatore e si sono succedute nel tempo con cadenze semmai legate agli eventi politici della Regione (elezioni comunali, regionali o manifestazioni varie) e non legate a specifiche situazioni economiche o alla compresenza di vicende di interesse per Spinelli”. Lo sostiene, in una memoria consegnata ai pm di Genova, il governatore ligure Giovanni Toti, ai domiciliari con l’accusa di corruzione.

Tenendo conto dunque del lungo arco temporale, ben 9 anni, “si può facilmente ricavare l’assenza di qualsivoglia prassi di contestualità tra richieste di ‘attenzione’ da parte di un donatore e sollecitazione di sostegno materiale per l’attività politica”. Per Toti “sicuramente nella costruzione dell’animus con cui la donazione avviene incide la precisa politica di attenzione dell’amministrazione per le esigenze delle imprese e dei cittadini, ma certamente non incide la presunzione di specifiche utilità legate ad una singola e specifica situazione, men che meno di atti contra legem”.

Non solo: “Registrando ogni versamento, non solo da parte del Comitato Toti ricevente, ma anche della impresa o del soggetto donatore, appare chiaro che il donatore stesso non considera in alcun modo la sua dazione di denaro come merce di scambio o pagamento di un interesse illecito, attività che anche egli stesso con la pubblicità del versamento si incaricherebbe di denunciare” conclude Toti.COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA