Notizie locali
Pubblicità

Italia

Meteo, Lucifero infiamma la domenica ma da lunedì è in ritirata

Ancora temperature alte in questo weekend per l'anticiclone che secondo i metereologi ha però vita breve al Nord e al Centro Italia

Di Redazione

Picco del caldo domani in tutta Italia a causa dell’anticiclone Lucifero, che già da lunedì sarà in ritirata. Infatti all’inizio della prossima settimana temporali interesseranno il Nordest, la Lombardia orientale per poi scendere al centro e successivamente sulla fascia adriatica. Il team del sito www.iLMeteo.it informa che domani, a parte alcuni temporali pomeridiani attesi sull'arco alpino, saranno il sole e il caldo africano i protagonisti della giornata. Il primo splenderà quasi indisturbato, il secondo raggiungerà picchi di 37°C sulle zone interne della Sardegna e fino a 34-36°C su Toscana, Lazio, Emilia, Marche, Veneto, Lombardia, Puglia e Basilicata. La presenza dell’anticiclone, avvertono i meteorologi, però avrà vita breve, infatti già da lunedì comincerà ad affluire gradualmente aria più fresca dai quadranti nordorientali che sarà responsabile della destabilizzazione della struttura anticiclonica. Temporali interesseranno a macchia di leopardo le regioni del Nordest (soprattutto l’Emilia Romagna e il Friuli Venezia Giulia) e la Lombardia orientale per poi scendere al Centro raggiungendo Marche e Umbria. Nei giorni successivi l’aria più fresca provocherà un deciso calo termico su gran parte delle regioni mentre i temporali scenderanno lungo tutta la fascia adriatica. 

Pubblicità

Queste in dettaglio le previsioni: Sabato 21. Al nord: sole e caldo. Al centro: ampio soleggiamento. Al sud: cielo poco nuvoloso. Domenica 22. Al nord: temporali pomeridiani sulle Alpi, sole e caldo altrove. Al centro: sole prevalente. Al sud: ampio soleggiamento. Lunedì 23. Al nord: temporali sulle Alpi del Triveneto, basso Veneto ed Emilia Romagna. Al centro: peggiora con temporali su Marche e Umbria. Al sud: soleggiato. Da martedì temporali sulle regioni adriatiche.
 

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: