home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

L'ex deputato regionale con 300 mila euro nella scatola delle scarpe

Inchiesta "Diplomat" della Procura di Agrigento: 110 indagati per la compravendita di diplomi, tra essi anche Gaetano Cani, parlamentare nella scorsa legislatura. Coinvolte quattro scuole "private": la Pirandello di Licata, la Pirandello e la Volta di Canicattì e San Marco di Acireale

L'ex deputato regionale con 300 mila euro nella scatola delle scarpe

Sono, complessivamente, 110 gli indagati, fra dirigenti scolastici, insegnanti e personale di segreteria: tutti pubblici ufficiali in servizio nelle scuole. Uno dei principali indagati è l’ex deputato regionale, nonché dirigente scolastico, Gaetano Cani, di Canicattì al quale sono stati trovati e sequestrati - in una scatola di scarpe custodita nella sua abitazione - 300 mila euro in contanti.

Quattro le scuole paritarie che «vendevano» diplomi: l'istituto Pirandello di Licata, il Pirandello di Canicattì, l'Alessandro Volta di Canicattì, tutti nell’Agrigentino, e l'istituto San Marco di Acireale. Ventidue i diplomi taroccati.

I risultati dell’inchiesta «Diplomat» sono stati illustrati dal procuratore capo di Agrigento Luigi Patronaggio e dai pm Simona Faga e Paola Vetro insieme al colonnello Giorgio Salerno, comandante provinciale della Guardia di Finanza di Ragusa (città da dove era partita l’indagine per il coinvolgimento di una scuola di Ispica) e al maggiore delle Fiamme gialle Luigi De Gregorio.

«Siamo in presenza di una vera e propria organizzazione a delinquere dove ognuno aveva un ruolo ben preciso nella vendita dei diplomi. Gli alunni e i loro genitori, al momento, non sono indagati. Nella lista dei 110, a cui stiamo notificando l’avviso di chiusura dell’inchiesta, ci sono pubblici ufficiali in servizio nelle scuole. Si tratta di insegnanti, dirigenti scolastici e personale di segreteria», ha detto Patronaggio.

«Studenti e genitori - ha aggiunto - sono stati interrogati come persone informate dei fatti ma è chiaro che sapevano di avere beneficiato di lezioni false, di esami truccati e altro. Quindi la loro posizione è al vaglio».

«L'attività scolastica - hanno spiegato il colonnello della Gdf Salerno e il maggiore De Gregorio - era del tutto fittizia: niente lezioni e niente interrogazioni. Risultava solo sulla carta perché gli studenti pagavano consistenti quote di iscrizione. Quando si doveva fare i conti con le commissioni di esami esterne, si faceva in modo di risolvere la questione comunicando prima le domande e dando in anticipo i temi delle prove scritte. Tutto avveniva con grande sfrontatezza».

I reati contestati ai 110 indagati sono, a vario titolo, l'associazione per delinquere, il falso commesso dal pubblico ufficiale in atto pubblico, la rivelazione del segreto di ufficio e l’abuso di ufficio.

L’inchiesta è partita da una segnalazione-denuncia. «E' stata raccolta una preliminare segnalazione che ci ha indotti ad indagare - ha spiegato Salerno -. C'era una struttura che permetteva di costruire un percorso scolastico falso: dagli esami mai sostenuti fino ad inquinare anche la prova di maturità fornendo anticipatamente il tema svolto ai candidati». Secondo quanto emerso sarebbero state gestite anche le prove orali degli esami di maturità con delle tesine costruite a tavolino.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 3
  • ASTOLFO

    05 Ottobre 2018 - 11:11

    Tutti uguali, cambia solo il contenitore; però la scatola di scarpe è la più cliccata. Se ben ricordo anche Di Pietro restituì in una scatola di scarpe il prestito di 100 mln del suo amico imprenditore. O forse è stato proprio lui ad inventare il sistema per non dare all'occhio e cavarsela alla grande, come accadde infatti anche a lui. Del resto, cosa sono 300.000 miseri euro? Le ruote di una Ferrari, però compresa quella di ricambio.

    Rispondi

  • pulsar

    05 Ottobre 2018 - 16:04

    Questo brutto episodio è l'ultimo di una lunga lista, in quanto lo Stato considera gli autori di questi gravi reati come "pecorelle smarrite da condurre sulla retta via" e vengono sanzionati in modo BONARIO.

    Rispondi

    • ASTOLFO

      05 Ottobre 2018 - 18:06

      Bisogna riconoscere che per costoro c'è un'attenuante decisiva: poiché la scuola è una ciofeca con la quale non si impara un accidente, è logico che si producano diplomi falsi che lo certifichino ufficialmente e (il)legalmente.

      Rispondi

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

VivereGiovani.it

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa