Notizie locali
Pubblicità

Cronaca

Crocetta ai disabili e a Pif: «Soluzione in due mesi, i precari faranno assistenza»

Di Redazione

PALERMO - Nel corso duro botta e risposta con il regista palermitano Pif (che da questa mattina ha protestato alla Regione con un gruppo di disabili senza assistenza) avvenuto a Palazzo d’Orleans il presidente della Regione Rosario Crocetta ha avanzato come soluzione per l’assistenza ai disabili la messa a sistema di un progetto triennale. Ma Pif lo ha quasi subito interrotto urlando: «Basta presidente, questa è una supercazzola,... ci dica quando partirà il servizio di assistenza, la pazienza è finita». E ancora «siete in ritardo, voi dovete considerarla una emergenza», ha aggiunto il regista.

Pubblicità

 
Crocetta ha risposto: «Io mi sento disperato più di te, perché chi doveva fare quel lavoro e attuare il mio programma mi ha tradito. Ha tradito quella gente e ha tradito anche me». «Io dico da anni che vanno fatte queste cose - ha aggiunto - Vanno fatte e adesso le faccio, e mi assumo le responsabilità politiche».

 
Crocetta ha assunto la delega alla Famiglia dopo le dimissioni da assessore di Gianluca Miccichè finito al centro delle polemiche dopo due servizi delle Iene sui fratelli Pellegrino, entrambi disabili. «La Regione dedicherà immediatamente i precari siciliani, che sono migliaia e che si vogliono riqualificare in questo progetto di assistenza, che diventerà un servizio non affidato alla precarietà. Ho verificato col Cipe: cento milioni di euro verranno sbloccati in una settimana circa». 

«Entro un mese possiamo cominciare ad affrontare i casi più gravi», ha assicura Crocetta aggiungendo di essere pronto a risolvere immediatamente situazioni limite come quella di Alessio e Gianluca che non hanno neanche familiari in grado di accudirli.

  
«Io ringrazio te - ha aggiunto Crocetta rivolto a Pif - ringrazio Alessio e Gianluca, ringrazio Le Iene che hanno sollevato il problema» ha detto il Governatore, ricordando la vicenda dei due fratelli disabili lasciati in anticamera per ore dall’assessore alla Famiglia Gianluca Miccichè poi costretto a dimettersi sull'onda delle polemiche.

 

«E' grave che ci sia stato bisogno delle Iene per accorgersi del problema» replicano i familiari dei disabili. «Servono 480 milioni per 3680 disabili» ricordano alcuni dei presenti in sala.

 

«Mi sto prendendo la responsabilità politica e morale - ha ribattuto Crocetta -  tra due mesi si risolve il problema dell’assistenza ai disabili. Ho preso degli impegni se non lo faccio, Pif farai tutte le campagne di informazione che vorrai». 

 
Crocetta ha poi parlato con i fratelli Giancarlo e Alessio Pellegrino, la cui storia raccontata da Le Iene è all’origine di tutto i baillame di questi giorni che ha portato alle dimissioni dell'assessore e alle proteste di questi giorni.

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA