Notizie Locali


SEZIONI
Catania 23°

NEWSLETTER

Una parola, dignità, ripetuta 18 volte nel discorso di insediamento: Sergio Mattarella

Di Redazione |

Una parola, dignità, ripetuta 18 volte nel discorso di insediamento: Sergio Mattarella ha giurato per il secondo mandato da presidente della Repubblica. Ha ricordato i giorni travagliati, anche per lui, che hanno preceduto la rielezione. Poi ha chiesto che il Parlamento sia sempre messo in condizione di poter esaminare i provvedimenti del governo, ha fatto riferimento agli studenti che protestano, ha chiesto che non si ripetano episodi come quello della morte del giovane Lorenzo e ha chiesto con forza la riforma della giustizia. Le disuguaglianze, ha detto, devono venire meno. E ha insistito sulla necessità di assumersi le responsabilità anche per le future generazioni. Consenso bipartisan al discorso di insediamento del presidente Mattarella, applaudito 55 volte dal Parlamento in seduta comune. Anche Giorgia Meloni dall’opposizione apprezza quella che ritiene “la discontinuità” e sottolinea i passaggi sulla giustizia e sui “mancati diritti al Parlamento”. Cruciale il tema della giustizia anche per Salvini.

Negli ultimi sette giorni netta flessione dei nuovi casi Covid (-25%) e del numero degli attualmente positivi (-7,9%) e scendono dell’8,4% i ricoveri in terapia intensiva. Secondo il coordinatore del Cts Franco Locatelli “ci stiamo avviando verso una situazione marcatamente favorevole”. L’Oms rileva che la situazione del Covid in Europa è in una sorta di “tregua” alla quale potrebbe seguire la fine della pandemia. Inizierà oggi la distribuzione alle Regioni e alle Province autonome delle prime 11.200 dosi del Paxlovid, la pillola anti Covid di Pfizer. In Sicilia ancora polemiche e veleni sul piano pandemico, nel merito e nel metodo.

Si è costituito a Liegi martedì sera, la stessa del delitto, dopo aver girovagato per qualche ora, Pietro Randazzo, siciliano di 33 anni, accusato di aver assassinato con cinque coltellate (gola,  torace e coscia) l’agrigentino Luca Pisciotto, 22 anni che aveva solo provato a difendere la madre, vittima di una brutale aggressione da parte di quello che era ormai il suo ex compagno, dopo una relazione durata nove anni.

L'esercito Usa ha “eliminato dal campo di battaglia” il capo dell’Isis, Abu Ibrahim al-Hashimi al-Qurayshi in un’operazione nel nord della Siria, ha annunciato il presidente degli Stati Uniti Biden, che ha ordinato il blitz. Tutti i soldati americani sono sani e salvi. Il capo dell’Isis, responsabile secondo il Pentagono del genocidio degli yazidi del 2014, si è fatto esplodere in un “disperato atto di codardia” che ha provocato la morte anche della moglie di due figli, ha aggiunto Biden che, rivolto ai terroristi, ha detto: “Vi verremo a prendere in ogni parte del mondo, ovunque vi nascondiate”.

Sanremo cresce ancora negli ascolti della seconda puntata che ha avuto protagonista Checco Zalone: per la prima volta una seconda serata ha battuto la prima (11 milioni 320mila) con picchi proprio per il comico pugliese (16 milioni 214mila spettatori e il 60,9 per la gag sui virologi). Ieri tra i lustri e le canzoni anche l’omaggio a Falcone e Borsellino dello scrittore Roberto Saviano.

Il 90% dei pazienti con talassemia beta curati con una terapia genica che corregge l’errore alla base della malattia smette di aver bisogno di trasfusioni per almeno un anno. È il risultato di uno studio condotto in nove centri, tra cui l’Ospedale Bambino Gesù di Roma, pubblicato sul New England Journal of Medicine. E Franco Locatelli, direttore del dipartimento di Onco-Ematologia e Terapia Cellulare e Genica dell’Ospedale Bambino Gesù dice: «quando si hanno dei dati di follo up così importanti si può parlare di guarigione».  COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA