Notizie locali
Pubblicità

Palermo

Festival Falcone e Borsellino, furti e danneggiamenti per migliaia di euro

Stamane gli organizzatori hanno scoperto l'ennesimo atto vandalico: rubati tutti i macchinari, gli strumenti e i materiali acquistati negli anni. Si tratta di un danno economico di circa 12mila euro.

Di Redazione

E' in corso a Capaci il Festival Falcone e Borsellino, grazie alla collaborazione della compagnia "I Teatranti Instabili", evento che già nei giorni scorsi aveva subito piccoli atti vandalici ai danni delle strutture. L'affronto più grande, però, era stato scoprire che, proprio nell'anno del trentesimo anniversario delle stragi di Capaci e via D'Amelio, i volti di Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, riprodotti in un banner sopra il palco, erano stati bersaglio di pietre e oggetti.

Pubblicità

Stamane gli organizzatori hanno scoperto l'ennesimo atto vandalico, che costringerà il Festival ad uno stop momentaneo: sono stati rubati tutti i macchinari, gli strumenti e i materiali acquistati negli anni. Si tratta di un danno economico di circa 12mila euro.

"Credo in questo festival, ci ho sempre creduto fin dall’inizio e lo porterò avanti finché avrò forza - dice il direttore artistico Maria Ansaldi - Il paradosso è che il furto cada proprio nell’anno del trentesimo anniversario delle stragi di Capaci e via D’Amelio, dopo cinque anni di ostacoli, ostruzionismo e angherie, questa edizione si era già annunciata più difficile delle altre".

Già lo scorso anno il Festival Falcone e Borsellino si era visto rifiutare l’accoglienza da parte della scuola dove fino a quel momento si era tenuto, cosa che aveva creato delle grandi difficoltà organizzative. Per questo motivo quest'anno si era spostato alla villa comunale Principessa Mafalda di Savoia, priva, però, di vigilanza e custodia, a causa delle difficoltà di organico del Comune.

"Il furto è una battuta d’arresto importante ma non ci fermerà del tutto, continueremo a fare del bene e a portare bellezza in questo territorio" asserisce il direttore tecnico Francesco Davì mentre Giuseppe Costanzo, presidente della compagnia I Teatranti Instabili, con Francesca Ansaldi e Maria Pia Greco, promette: "continueremo a batterci per trasmettere dei sani principi ai nostri ragazzi e alla comunità intera, e far sviluppare anticorpi contro l’inciviltà e l’illegalità".

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: