Notizie Locali


SEZIONI
Catania 10°

Palermo

Tagli GdS, i poligrafici: «Occorre fare investimenti»

Di Redazione |

PALERMO – I poligrafici del Giornale di Sicilia manifestano, in una nota, la loro totale solidarietà ai colleghi giornalisti per il taglio prospettato, da parte degli Editori, del 50% del comparto redazionale «che si somma a quello già effettuato da tempo a danno dei lavoratori poligrafici posto prima in Contratto di solidarietà al 42% e poi, ancora oggi, in CIGS a zero ore per oltre il 60% dei dipendenti». «Queste politiche editoriali – prosegue la nota – non sono mai state condivise dai lavoratori, ma accettate per scongiurare la mancata continuità aziendale come più volte annunciato dall’azienda. Si è preferito rinunciare a figure professionali fondamentali e necessarie per la produzione di un quotidiano, come stabilito del resto dal CCNL dei poligrafici. Riconosciamo – scrivono i poligrafici – il momento drammatico in cui versa il quotidiano così come tutto il settore editoriale, ma riteniamo che per provare a rilanciare il prodotto non si possano solamente prevedere tagli di personale ma attuare investimenti che vadano oltre il full color. Apprezziamo inoltre la solidarietà espressa dalla politica e dalle cariche istituzionali e confidiamo nella stessa solidarietà per il settore dei poligrafici da anni ormai martoriato e sacrificato».

«Gli aiuti stanziati dalla Regione Sicilia con l’ultima legge di stabilità – ricorda la nota – destinano il 40% delle risorse alla carta stampata, ma sotto forma di prestiti onerosi. Non siamo sicuri che sia la giusta forma di sovvenzione di cui necessitano i quotidiani. Inoltre continuiamo a sostenere che l’attuale decreto per i prepensionamenti non basti a garantire la sopravvivenza del settore, ma rischia di mandare a casa tanti lavoratori che già hanno maturato i 35 anni di contributi previsti. E’ necessaria una revisione dei criteri di accesso al prepensionamento stesso, garantendo la possibilità di usufruire della legge anche ai dipendenti di aziende che hanno già avviato una procedura di CIGS di natura «espulsiva» per crisi».

«Comprendiamo il disagio espresso dalla categoria dei poligrafici, anche riguardo alle misure che li hanno riguardati. D’altra parte loro stessi riconoscono come certe scelte fatte in questi anni siano state dettate esclusivamente da quello che a ragione definiscono «momento drammatico» dell’intero settore editoriale. Scelte che finora non hanno purtroppo invertito la tendenza e che dunque impongono ulteriori sacrifici da parte di tutti». Così gli editori del Giornale di Sicilia commentano la nota sindacale dei poligrafici del quotidiano. «Anche noi, come loro – prosegue la nota degli editori – , auspichiamo che nuove misure di sostegno al settore possano contribuire ad alleggerire il livello di difficoltà con cui gli editori sono chiamati a garantire il futuro dei giornali e dei relativi posti di lavoro». COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

Di più su questi argomenti: