Notizie Locali


SEZIONI
Catania 29°

IL VIRUS H5N1

Dilaga in tutto il mondo la paura dell’aviaria, i timori degli esperti: «Potrebbe essere la prossima pandemia»

Il recente passaggio ai mammiferi fa pensare che a breve arriveremo alla trasmissione da uomo a uomo

Di Redazione |

Già solo a sentire la parola pandemia dopo quello che il mondo ha vissuto col on Covid, vengono i brividi. Eppure un nuovo allarme sta dilagando. Quello dell’aviaria. Potrebbe essere la prossima pandemia? «E’ fortemente possibile» secondo Arnaldo Caruso, presidente della Società italiana di virologia (Siv-Isv), chenon usa mezzi termini sui timori suscitati dall’epidemia che cresce tra i bovini da latte negli Usa, a causa di un ceppo altamente patogeno di virus H5N1 ritrovato in frammenti anche nel latte pastorizzato in commercio Oltreoceano. Nella comunità scientifica “la preoccupazione è grande”, spiega l’esperto appena rientrato da Barcellona, dove ha partecipato al Congresso della Società europea di microbiologia clinica e malattie infettive (Escmid). “Il passaggio dell’aviaria nei mammiferi e la circolazione in questi animali – avverte – è un passo avanti verso l’uomo”.

Lo specialista, ordinario di microbiologia e microbiologia clinica all’università di Brescia e direttore del Laboratorio di microbiologia dell’Asst Spedali Civili, traccia un quadro “forse pessimistico – ammette – ma purtroppo non dobbiamo mettere la testa sotto la sabbia. Bisogna invece essere realisti e prepararsi”, ammonisce Caruso. Pensando a una futura emergenza pandemica, sottolinea, “il virus aviario è l’unico che preoccupa realmente” per più di una ragione. Innanzitutto perché “è un virus influenzale che in quanto tale si trasmette per via aerea, la più efficace in termini di contagio”.

Agente patogeno diffuso

Il patogeno, poi, è estremamente diffuso: “Lo stanno portando dappertutto le anatre selvatiche, che ormai vediamo anche nelle nostre città, nei nostri stagni, nei nostri corsi d’acqua”. E sta mutando: “Non solo l’H5N1 – precisa l’esperto – ma diversi ceppi di virus aviario si stanno modificando, a livello di più recettori di superficie, per potersi adattare all’uomo. Un salto sempre più facile, dopo che è passato ai mammiferi e tra i mammiferi circola”.

Siamo dunque di fronte “non a una aviaria, ma a più aviarie – puntualizza Caruso – che hanno fatto il loro ingresso nel mammifero e sono tutte potenzialmente pericolose per l’uomo. Preoccupano perché la circolazione nei mammiferi indica che il virus sta evolvendo in una direzione chiara: ha imboccato una strada che inevitabilmente, prima o poi – prospetta il presidente dei virologi italiani – porterà all’arrivo nell’uomo il quale potrà diventarne serbatoio e diffusore”.

Arriveremo alla trasmissione del virus dell’influenza aviaria da uomo a uomo? “E’ inevitabile – risponde Caruso – che quando il virus entrerà più e più volte nell’uomo potrà assumere quella ‘fitness’, cioè quella capacità di adattamento alle cellule umane, che permetterà all’uomo di fare da reservoir e quindi da diffusore per altri uomini”.

Al di là dei casi noti per esposizione, professionale o meno, ad animali infetti, “chissà quante volte l’uomo è già stato infettato, magari senza presentare sintomi importanti – ragiona il presidente Siv-Isv – Chissà quanti virus aviari stanno cercando di entrare nell’uomo e quante volte ci sono riusciti”. Pertanto, se è vero che ad oggi per il virus aviario il contagio uomo-uomo non è mai stato confermato, “non è detto che una trasmissione uomo-uomo non sia già possibile – osserva Caruso – o che quantomeno qualche ceppo non si sia già stabilizzato nell’uomo”.

Insomma, “la situazione è veramente preoccupante – è il messaggio – ed esige una sorveglianza stringente sugli animali, non soltanto i volatili, sugli alimenti di origine animale consumati dall’uomo e sugli uomini stessi. E’ indispensabile farci trovare pronti, preparati a una nuova possibile futura pandemia”.

Negli Usa

Dopo le verifiche sul latte crudo, l’epidemia di influenza aviaria H5N1 negli allevamenti bovini negli Stati Uniti ha portato il Dipartimento dell’Agricoltura americano a condurre tre distinti studi sulla carne bovina per verificare la presenza di H5N1 anche nella filiera al dettaglio e nelle macellerie. L’allarme generato dall’influenza aviaria nel settore zootecnico e la ricaduta sulla filiera, dopo lo stop all’importazione di carne decisa dalla Colombia, sta portando le autorità ad indagare per rassicurare sul consumo di carne cucinata. Ci saranno anche delle verifiche – riporta la ‘Cnn’ – sulla carne cotta, ovvero si inserirà nell’alimento un surrogato del virus per testare la sopravvivenza alle alte temperature della cottura.COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA